Fallimento Miteni, lavoratori disponibili a mettere in sicurezza gli impianti

I dipendenti hanno fatto sentire la loro voce con un sit-in e hanno chiesto al tribunale vicentino di non decretare il fallimento dell'azienda nell'udienza di giovedì

Sit-in sindacale davanti alla Miteni (foto Marco Milioni - VicenzaToday)

Domani, 8 novembre, è in programma l'udienza fallimentare della Miteni, l'azienda vicentina di Trissino sospettata di essere la principale responsabile dell'inquinamento da Pfas tra Vicenza, Verona e Padova. La ditta poche settimane fa ha presentato istanza di fallimento, promettendo comunque la messa in sicurezza degli impianti e la bonifica dei terrenti. Di questa promessa però non tutti si fidano e oltre al fronte ambientale si è aperto anche quello sociale perché sono 121 i lavoratori della Miteni che rischiano il licenziamento.

Ieri, 6 novembre, proprio i lavoratori hanno fatto sentire la loro voce con un sit-in descritto da Marco Milioni su VicenzaToday. I dipendenti della Miteni hanno chiesto al tribunale vicentino di non decretare il fallimento dell'azienda domani. Una richiesta condivisa anche dal Movimento 5 Stelle. La senatrice veneta 5 Stelle Barbara Guidolin ha incontrato i rappresentanti sindacali dei lavoratori e ha dichiarato: «I lavoratori sono disponibili a mettere in sicurezza gli impianti. Questo è importantissimo, perché se Miteni si ferma si bloccano pure tutti i sistemi interni legati al ciclo dell'acqua, quindi serve immediatamente un piano di sicurezza. La Miteni deve degli arretrati ai suoi dipendenti e queste somme rientrano in un concordato che scadrà fra una settimana. C'è però il rischio che tutto decada e non possiamo accettarlo».

Dopo aver contaminato una delle falde d'acqua potabile più grandi d’Europa, rendendola di fatto inutilizzabile se non filtrata con costi altissimi - hanno aggiunto i 5 Stelle veneti - e dopo aver contaminato centinaia di migliaia di persone in tutto il Veneto, ora la Miteni molla tutto dicendo che non ha le risorse per riparare a quanto ha causato. Il nostro pensiero va inoltre ai lavoratori dell'azienda. Oltre a non ricevere lo stipendio da mesi sono stati pure licenziati, quasi che le colpe di questa situazione fossero imputabili a loro. Invece sono le prime vittime di questo sfacelo, dal punto di vista della salute e dell'occupazione, e hanno inoltre la piena conoscenza del funzionamento della barriera idraulica che contiene le porcherie presenti sotto la Miteni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E anche la senatrice veneta del Partito Democratico Daniela Sbrollini è critica nei confronti della Miteni. «È la conferma della volontà da parte dell'azienda di non assumersi le proprie responsabilità riguardo alla bonifica e della poca volontà di investire in un sito che aveva bisogno di importanti migliorie per garantire lavoratori e cittadini - ha detto Sbrollini - Ora si aggiunge la mancanza di riconoscenza nei confronti dei lavoratori. Ora la Regione non può tacere né restare inerte. Il tavolo di crisi deve chiarire come e chi si impegnerà a bonificare l'esistente sito e le falde inquinate nel passato. Se la Regione ha le certezze sulle responsabilità del passato ora deve metterle sul tavolo. Non è giusto che i cittadini paghino due volte. Con la salute e con il portafoglio. E i dipendenti non possono pagare anche per la terza volta con la perdita del posto di lavoro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento