Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica Centro storico / Piazza Bra

Pfas. Il documento della Commissione tecnica che parla di contaminazione

Nel documento diffuso dal M5S si legge: "parte della popolazione veneta è stata esposta ed è esposta ai Pfas" e ancora: "non è stato dato seguito ad azioni di tutela della salute per le persone"

Il documento è in allegato ed è la sintesi del verbale della Commissione Tecnica Regionale Pfas, riunitasi il 13 febbraio. Questo è il documento che dimostrerebbe che il M5S aveva ragione in questa battaglia per la salute anche dei cittadini veronesi.

Per i grillini: "Ci sono sostanze tossiche e probabilmente cancerogene in alcuni alimenti distribuiti in tutta Italia, a causa dell'acqua inquinata da sostanze chimiche che arriva a circa 400 mila veneti nelle province di Vicenza, Verona, Padova e Rovigo".

Alcune frasi contenute nel documento hanno allarmato gli esponenti del Movimento 5 Stelle, ad esempio: "parte della popolazione veneta è stata esposta ed è esposta ai Pfas" oppure "non è stato dato seguito ad azioni di tutela della salute per le persone che hanno mangiato e stanno mangiando alimenti con concentrazioni critiche

"La Regione Veneto - scrivono i grillini - e alcune sue agenzie dopo le denunce del M5S e delle associazioni hanno condotto analisi sulla presenza delle sostanze tossiche negli alimenti, ma queste analisi non valgono nulla. L'assessore veneto alla Sanità Coletto aveva dichiarato che i dati relativi alle analisi del sangue della popolazione e degli alimenti erano già all’attenzione dell'istituto Superiore di Sanità, ma come vediamo dai verbali ha detto il falso: l’unico riscontro formale nelle mani delle autorità sanitarie sulla situazione degli alimenti sarebbero i dati forniti lo scorso 6 novembre attraverso una tabella sintetica non firmata né datata, i quali non sono stati inviati all'istituto superiore della sanità".

"In un altro passaggio - si legge nella nota del Movimento - si parla anche di diossine negli alimenti. In quali? Ce lo devono dire, non possono coprire anche questo. Pretendiamo dalla Regione tutta la verità. Se qualcuno ha insabbiato qualcosa ne pagherà le conseguenze. Come Movimento 5 Stelle abbiamo finanziato il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica e a al Tar Veneto contro l'innalzamento dei limiti di presenza di queste sostanze da parte dell'Iss. Il nostro portavoce in Senato Enrico Cappelletti ha presentato ai Ministri della salute e dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare un’interrogazione al riguardo, chiedendo che i cittadini siano informati dei pericoli a cui sono esposti. Ragionamenti economici e di responsabilità politica non possono e non devono prevalere rispetto all'interesse prioritario della difesa della salute".

Leak Pfas Veneto

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pfas. Il documento della Commissione tecnica che parla di contaminazione

VeronaSera è in caricamento