Attivato dal Comune di Verona numero verde per l'emergenza virus. Ztl libera fino alle 22

Per rispondere alle domande e ai dubbi dei cittadini sul virus, ma anche sul Dpcm torna il servizio telefonico del Comune di Verona. Aggiornato l'orario d'ingresso libero in Ztl in conformità con il "coprifuoco", il sindaco Sboarina: «Situazione sempre più allarmante»

Piazza Bra e palazzo Barbieri

Torna operativo il numero verde del Comune di Verona per rispondere ai cittadini e chiarire i dubbi sull’emergenza coronavirus. In particolare, per supportare l’Ulss9 Scaligera nelle attività d’informazione, tramite il numero verde è ora possibile acquisire anche indicazioni pratiche rispetto a tamponi, isolamento o tempistiche per il rientro a scuola e lavoro. Basterà quindi chiamare l’800 644 494 per ricevere, da un call center adeguatamente formato, tutte le informazioni.

Sboarina: «I numeri non sono buoni». Poi l'appello: «Siamo in emergenza, evitate i luoghi affollati»

Come già avvenuto durante il periodo di lockdown di marzo-maggio, infatti, l’assistenza telefonica del Comune è a disposizione per chiarire i dubbi e per avere informazioni su eventuali variazioni e modifiche dei servizi erogati sul territorio, apertura al pubblico degli uffici comunali e per dare ogni altra notizia utile in riferimento alle misure attivate per contenere il contagio da Covid-19. Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18. Nel caso in cui gli operatori non fossero in grado di dare una risposta immediata ai quesiti, verranno raccolte le informazioni precise e gli utenti verranno richiamati.

Il numero verde, oltre a fornire spiegazioni sulle regole dei Dpcm come si faceva durante il lockdown di primavera, adesso aggiunge il supporto per le domande eventualmente indirizzate all'Ulss. Questa scelta è dovuta al peggioramento della situazione nel nostro territorio, con l'aumento dei contagi cresce anche la necessità dei cittadini di avere un punto di riferimento. Sono praticamente raddoppiati i contagi nell’ultima settimana: dall'1 all’8 novembre, infatti, i positivi sono passati da 4.799 a 8.545, i ricoveri da 174 a 308 e le terapie intensive da 32 a 59.

Dalla zona gialla a quella arancione per il Veneto? Cosa cambia (e perché è meglio fare i bravi)

Il numero verde del Comune di Verona per l'emergenza virus

Il numero verde del Comune di Verona per l'emergenza virus

Le novità sul numero verde del Comune sono state illustrate ieri mattina dal sindaco Federico Sboarina insieme al dirigente della Direzione Servizi ai cittadini Paola Zanchetta. «In una situazione di costante cambiamento, sia per quanto riguarda i dati sulla diffusione del virus che le misure attivate per il suo contenimento – spiega il sindaco Sboarina –, abbiamo ritenuto opportuno riattivare il numero verde per fornire, nel modo più celere possibile, tutte le informazioni alla cittadinanza. Nell’ultima settimana è stata registrata una crescita allarmante nel numero dei ricoveri e delle terapie intensive. Non vorrei dover rivivere un film già visto in marzo. Sabato e domenica, sia in città che nelle principali località di lago e montagna della nostra provincia, si sono viste numerose situazioni di assembramento. Capisco la necessità di uscire, soprattutto in una bella giornata di sole, ma non bisogna mai dimenticare quello che stiamo vivendo. Gli assembramenti visti in quest’ultimo fine settimana sono inaccettabili. Non credo di dover spiegare la gravità del momento e, soprattutto, - ha quindi aggiunto il sindaco Sboarina - la necessità da parte di tutti di fare la propria parte. Questa è la fase in cui dobbiamo usare la testa e pensare prima di agire. L’impennata di contagi registrata fra l'1 e l’8 novembre ci mostra una situazione sempre più allarmante. L’appello è di continuare a essere responsabili, rispettiamo il distanziamento sociale e mantenendo l’uso della mascherina anche quando ci sentiamo al sicuro».

L'Italia gialla, arancione e rossa: mobilità e altri chiarimenti nella circolare inviata ai prefetti

«Il numero verde attivato dal Comune – spiega Paola Zanchetta – rappresenta un valido aiuto per chiarire i dubbi della cittadinanza sull’attuale situazione. Attraverso personale adeguatamente formato, nell’ottica di dare supporto all’attività informativa svolta dall’Ulss9, siamo oggi in grado di risponde ad un più ampio bacino di domande, fornendo indicazioni su tamponi, isolamento o procedure e tempistiche per la quarantena. Molte delle domande riguardano anche le possibilità di movimento».

Apertura Ztl fino alle 22

Da oggi fino al 23 novembre, adeguandosi alle nuove disposizioni emanate con l’ultimo Dpcm che impone il coprifuoco, anche l’acceso alla Ztl è consentito fino alle ore 22. L'apertura temporanea è stata decisa per agevolare il lavoro dei locali che forniscono cibo da asporto a pranzo e a cena. Prima del coprifuoco l'accesso era fino alle 24 perché fino a quell'ora era permesso l'asporto.

Numero verde risultati lockdown di marzo-maggio 

Dall’11 marzo al 26 maggio registrate al numero verde del Comune oltre 25 mila chiamate, con punte massime giornaliere di oltre 1.200 telefonate.

Visita ai congiunti in zona gialla? E in zona rossa? Le Faq del Governo sugli spostamenti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Giovane veronese muore in un incidente il giorno del compleanno al rientro dal lavoro

Torna su
VeronaSera è in caricamento