rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Sport Stadio / Piazzale Olimpia

Dalla zona bianca alla rossa, tutte le novità in ambito sportivo introdotte con il decreto super green pass

In zona arancione si può andare a sciare? E gli sport di squadra? Se il Veneto finisce in zona gialla qual è la capienza di pubblico al Bentegodi? Super green pass, certificato verde base e sport: tutte le cose utili da sapere

Il nuovo decreto-legge 26 novembre 2021, n. 172, in vigore dallo scorso 27 novembre, prevede ulteriori disposizioni volte al contenimento dell’epidemia da Covid-19, in particolare relative all’utilizzo del cosiddetto green pass rafforzatovale a dire una certificazione verde attestante o l'avvenuta  vaccinazione anti-Sars-CoV-2 (al termine del  ciclo vaccinale primario, o alternativamente della somministrazione della relativa dose di richiamo), a far data dalla quale la validità del documento ha una scadenza di 9 mesi. Altresì, il super green pass può essere rilasciato a seguito delll’avvenuta guarigione dalla malattia Covid-19, con contestuale cessazione dell'isolamento prescritto in seguito ad  infezione da Sars-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del ministero della salute. Ulteriore casisitica per ottenere il super green pass è quella che prevede l’avvenuta guarigione da Covid-19 dopo la somministrazione della prima dose di vaccino o al termine del prescritto ciclo.

In Gazzetta il decreto Covid: quando serve il green pass, quando il super green pass, oppure nessuno dei due

Durata e validtà del green pass (base e rafforzato)

Piccola annotazione orientativa sulle date da tenere a mente: le misure relative ai tempi di durata del green pass rafforzato contenute nel decreto-legge citato (Art. 3 " Durata delle certificazioni verdi Covid-19"), si applicano «a decorrere dal 15 dicembre 2021». Quindi, attenzione a non fare confusione: l'obbligo del green pass rafforzato per alcune attività scatta anche in zona bianca dal 6 dicembre 2021 e fino al 15 gennaio 2022 (mentre in area gialla e arancione è già vigente dal 29 novembre e resta tale), ma la nuova tempistica sulla durata della validità dei vari green pass, sia quello base che quello rafforzato, sarà vigente dal 15 dicembre 2021.

Questo vuol dire che, essendo tale durata stata ridotta da 12 mesi a 9 mesi, chi abbia completato il proprio ciclo vaccinale prima del giorno 15 marzo 2021, dal 16 dicembre 2021 si troverà, pur avendo fatto la vaccinazione primaria, senza certificato verde rafforzato, a meno che ovviamente non abbia nel frattempo provveduto a ricevere, o provveda in questi giorni, a farsi somministrare la terza dose o dose di richiamo.  

Il super green pass ed il green pass base

Il green pass rafforzato, cioè in sostanza ottenuto in virtù del vaccino o della guarigione, viene richiesto per attività che sarebbero altrimenti sospese o limitate in zona gialla o arancione. Si può però continuare ad utilizzare il green pass base, il quale integra la possibilità di ottenerlo attraverso l'effettuazione di un test  antigenico rapido o molecolare con esito negativo al virus Sars-CoV-2, ai fini dello svolgimento di quelle attività che già, nell'ambito della zona gialla, richiedevano il possesso del green pass classico.

Di seguito elenchiamo alcuni punti normativi rilevanti:

  • Il decreto-legge in commento interviene con l’introduzione della necessità della certificazione verde base per l’accesso agli spogliatoi, anche per le attività all’aperto, a far data dal 6 dicembre 2021 (Art. 4, comma 2).
  • Il decreto-legge inoltre, aspetto saliente, istituisce la possibilità, per i soggetti possessori di green pass rafforzato di svolgere anche in zona gialla ed arancione i servizi e le attività che altrimenti risulterebbero sospesi ai sensi della normativa vigente e nel rispetto della disciplina della zona bianca. Tale disposizione è entrata in vigore dal 29 novembre 2021 (Art. 5, comma 2).
  • Lo stesso decreto-legge prevede inoltre che in zona bianca, dal 6 dicembre 2021 al 15 gennaio 2022, la fruizione di attività e servizi per i quali siano previste limitazioni in zona gialla, sarà consentita ai soli possessori di green pass rafforzato (Art. 6, comma 1). Questo in sostanza sigifica che, sotto il profilo dell'utilizzo del super green pass, nel periodo dal 6 dicembre 2021 al 15 gennaio 2022 non vi sarà alcuna distinzione nell'essere in una Regione zona bianca o gialla: per andare allo stadio al cinema oppure in un ristorante al chiuso, in tutti questi casi servirà il super green pass.

Le novità in ambito sportivo: dalla zona bianca alla rossa

Per quanto riguarda l’attività motoria e sportiva e le relative attività connesse, il nuovo decreto-legge apporta una serie di importanti modifiche alla normativa. Le proviamo brevemente ad elencare di seguito.

A partire dal 6 dicembre 2021 sarà necessario il possesso di certificazione verde base per poter accedere agli spazi adibiti a spogliatoi e docce, con l’eccezione degli accompagnatori delle persone non autosufficienti in ragione dell’età o di disabilità. Questi dovranno comunque utilizzare correttamente i dispositivi di protezione individuali (Art. 4, comma 2).

A partire dal 29 novembre 2021 sarà consentita in zona gialla la presenza di pubblico alle competizioni sportive riservata ai soli possessori di certificazione verde rafforzata (Art. 5, comma 2). Per quanto riguarda le capienze, queste sono aumentate «nel rispetto della disciplina della zona bianca», ovvero all’aperto dal 50% al 75%, al chiuso dal 35% al 60%. Da questo punto di vista, dunque, si può dire che grazie al super green pass è, in un certo senso, la zona gialla che diventa zona bianca con l'aumento della capienza di pubblico, composto però di soli spettatori vaccinati o guariti (cioè con green pass rafforzato).

Per quanto riguarda la zona arancione, il decreto-legge prevede che per i soli possessori di certificazione verde rafforzata siano consentite una serie di attività e servizi. Di seguito l'elenco:

  • Apertura degli impianti sciistici nel rispetto della disciplina della zona bianca. In sostanza, anche con una Regione in zona arancione si potrà andare a sciare secondo le regole vigenti in area bianca, ma chi potrà farlo saranno solo i possessori di super green pass.
  • Possibilità di organizzare o partecipare ad eventi e competizioni sportive anche se non rientranti nella definizione dell’art. 18 del Dpcm 2 marzo 2021, ovvero di quelle che venivano qui definite le «competizioni sportive di interesse nazionale».
  • Possibilità di svolgere attività sportiva al chiuso (palestre e piscine), anche di squadra e di contatto. In breve, anche qualora il Veneto dovesse entrare in zona arancione, per tutti i titolari di super green pass, cioè i vaccinati o i guariti, sarà comunque possibile continuare a svolgere attività sportiva al chiuso come il nuoto, oppure anche giocare a calcio, basket e pallavolo (gli sport di contatto). 
  • Sempre in zona arancione, il decreto-legge prevede per i titolari di green pass rafforzato la possibilità di svolgere attività sportive e la possibilità di utilizzo di spogliatoi e docce.

Per quanto riguarda le capienze negli stadi o palazzetti dello sport in zona arancione, il decreto-legge prevede anche in questo caso che la presenza di pubblico alle competizioni sportive sia riservata ai soli possessori di certificazione verde rafforzata, ma altresì che tali capienze siano misurate «nel rispetto della disciplina della zona bianca», ovvero all’aperto al 75% e negli ambienti al chiuso come un palazzetto dello sport al 60%. Aspetto interessante è che lo stesso ragionamento vale anche per il settore degli spettacoli (teatri, cinema, concerti) che in materia di "capienza" di pubblico, tuttavia, nel rispetto della disciplina della zona bianca è consentita al 100%.

Come in parte già ricordato, nel periodo tra il 6 dicembre 2021 e il 15 gennaio 2022, anche in zona bianca la presenza di pubblico alle competizioni sportive sarà limitata ai possessori della certificazione verde rafforzata, secondo quanto disposto dall’Art. 6, comma 1 del decreto-legge 26 novembre 2021, n. 172. In conclusione, dunque, va ricordato che invece qualora una Regione finisse in zona rossa, allora le restrizioni anche in ambito sportivo tornerebbero a valere per tutti, sia titolari di super green pass che non, con la sospensione delle attività sportive e motorie svolte nei centri sportivi e circoli all’aperto, così come degli sport di contatto e di squadra.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla zona bianca alla rossa, tutte le novità in ambito sportivo introdotte con il decreto super green pass

VeronaSera è in caricamento