menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In Veneto 12.991 nuove diagnosi da Hiv , mentre arriva in farmacia l'auto-test

Sta arrivando in queste ore anche a Verona l'auto-test per l'Hiv che sarà disponibile per tutti i cittadini maggiorenni, acquistabile a 20 euro presso le farmacie senza necessità di ricetta

Dal 1988 a fine 2015 in Veneto sono state segnalate 12.991 nuove diagnosi da Hiv, con circa 320 nuovi casi l'anno. Dal 1984 a dicembre 2015 i casi di Aids in Veneto sono stati 3.753, 2.540 dei quali deceduti, pari al 67,7%. Si stima che a dicembre 2015 i casi prevalenti siano 1.200, stante che negli ultimi due anni non sono stati segnalati decessi.

Sono questi i dati principali dei monitoraggi effettuati dai Registri Hiv e Aids operativi in Veneto, i cui Report sono stati diffusi nelle ultime ore dall'Assessore alla Sanità Luca Coletto, in occasione della giornata mondiale dell'Aids. "La mortalità a zero negli ultimi due anni - ha fatto notare Coletto - dimostra come questa malattia, tutt'altro che scomparsa, venga curata al meglio dalle nostre strutture sanitarie che utilizzano le terapie più avanzate a disposizione della comunità scientifica, ma i 320 nuovi casi di positività all'Hiv dimostrano che il rischio di contrarre la malattia è tutt'altro che scomparso".

Intanto l’azienda produttrice, sta rendendo disponibili in queste ore anche nelle farmacie di Verona e provincia gli auto-test per l’Hiv. A darne comunicazione è Federfarma Verona che, così come spiega il suo Presidente Marco Bacchini, "si è attivata per capire quali siano le tempistiche e le procedure da attuare affinché le farmacie di Verona e provincia possano rifornirsi del test. Il prodotto è davvero semplice da utilizzare, basta una goccia di sangue capillare; veloce, servono pochi minuti per ricevere la risposta; costa 20 euro e non necessita per il suo acquisto della ricetta medica, ma della maggiore età. L’unica raccomandazione è quella di attendere l’“intervallo finestra” di 90 giorni tra il momento del probabile contagio e l’utilizzo del test diagnostico. La sua attendibilità è elevatissima e se usato correttamente risulta di poco inferiore al 100%. In ogni caso dopo una eventuale risposta positiva è necessario consultare il medico e ripetere il test in laboratorio perché potrebbe anche essersi verificato quello che in medicina viene definito “falso positivo”, ovvero la rilevazione in questo caso del virus HIV quando invece nella realtà il soggetto risulta essere sano".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento