Copertura vaccinale in aumento, nessuna esclusione a scuola: "Risultati importanti"

La Legge Lorenzin pare aver funzionato nel Veronese, stando ai dati riportati dall'AULSS 9

Il 30 aprile scade il termine per la presentazione della lista alle Asl di competenza di coloro che non hanno presentato presso gli istituti scolastici di riferimento la documentazione vaccinale. Ad oggi nel Veronese sarebbe circa il 5% degli studenti ad essere ancora inadempiente all'obbligo, ma anche per loro non scatterà nell'immediato alcuna esclusione dalle lezioni, nel caso siano in grado di dimostrare di aver quantomeno già fissato l'appuntamento per la somministrazione dei vaccini. 

Il calo dei tassi di copertura relativi alle principali vaccinazioni e l’epidemia di morbillo a livello europeo verificatasi lo scorso anno, e a cui l’Italia ha contribuito con 5.000 casi (tra cui 4 decessi), aveva portato alla decisione a livello ministeriale di promulgare una legge (L n. 119 del 31 Luglio 2017) che ha reso obbligatorie 10 vaccinazioni per l’ingresso alle scuole dell’infanzia ed a quelle dell’obbligo.

Nella AULSS 9 Scaligera si sono registrati dei risultati importanti, relativamente a due vaccinazioni che tradizionalmente costituiscono gli indicatori del ciclo di base (antipolio) e delle principali malattie infettive di origine virale (antimorbillo).

I dati sotto riportati prendono in considerazione tutti gli individui nati tra il 2001 e il 2014, oltre ai bambini nati tra il 2011 ed il 2014 che lo scorso anno frequentavano le scuole dell’infanzia e gli asili nido. Sono state scelte queste due "coorti" perché in esse sono stati sicuramente completati i cicli per le vaccinazioni di base e per le malattie infettive virali. L’incremento assume una particolare importanza, perché si partiva da un livello già alto di copertura vaccinale.

1agosto 2017

vaccinati (%)

31 marzo 2018

vaccinati (%)

Incremento %

Coorte nati 2001 - 2014

3^ polio

96,04

96,32

0,28

1^ morbillo

94,59

95,72

1,13

Coorte nati 2011-2014

3^ polio

94,26

94,91

0,65

1^ morbillo

92,22

94,33

2,11

La tabella dei dati forniti dalla AULSS 9 Scaligera sulle coperture vaccinali

ULSS, scuole e Ministero

Facendo seguito alla Circolare Ministeriale del 27 febbraio 2018, la Regione Veneto ha emanato la nota del 1 marzo 2018 con la quale ha stabilito un cronoprogramma per la verifica degli adempimenti vaccinali degli alunni frequentanti le scuole di ogni ordine e grado. L'obbligo previsto dalla Legge Lorenzin è fino al compimento dei 17 anni (16 anni e 364 giorni).

Considerato che la nota regionale è del 1 marzo, non era semplice rispettare il cronoprogramma stabilito, che prevedeva che entro il 30 aprile i dirigenti scolastici dovessero trasmettere tutta la documentazione prodotta dai ragazzi "non in regola", oltre che segnalare i nominativi di coloro che, "non in regola", non avevano prodotto alcuna documentazione.

Le date sono state parzialmente rispettate. Tuttavia si può dire che tutte le scuole hanno inviato gli elenchi dei propri iscritti all'ULSS e a quasi tutte è stato restituito l'elenco con le indicazioni previste. Già numerose scuole hanno restituito quanto previsto per il 30 aprile.

Si tratta in buona sostanza di un sistema che deve essere rodato: si pensi, ad esempio, alla tipologia di file che le scuole devono inviare e che è necessario rispetti le indicazioni previste dalla Regione (formato, numero di colonne, ...). Ciò ha comportato alcuni disguidi che hanno rallentato la procedura, ma che si stanno risolvendo. Una volta chiariti, renderanno più fluida la procedura.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'8 all'11 novembre 2019

  • Terribile frontale tra auto e camion nella notte: perde la vita un 34enne

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Accoltellamento a Verona, un uomo in ospedale: caccia agli aggressori

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

Torna su
VeronaSera è in caricamento