Sboarina candidato sindaco, i contrari di Forza Italia scrivono a Berlusconi

Tra i forzisti veronesi la spaccatura è evidente e gli esponenti più vicini all'area tosiana non vogliono sostenere il presidente di Battiti. "Non vogliamo trovarci costretti a lasciare la nostra casa"

"Se è vero che il centrodestra unito vince, è altrettanto vero che dobbiamo domandarci a quale centrodestra noi vogliamo appartenere". Probabilmente è questo il passaggio più importante, cruciale, del messaggio inviato da un gruppo di esponenti veronesi di Forza Italia direttamente al leader Silvio Berlusconi. La lettera, visibile su TgVerona, arriva dopo la spaccatura tra i forzisti manifestata dalle parole espresse da Alberto Giorgetti.

All'interno di Forza Italia c'è chi dice no alla candidatura unitaria per il centrodestra di Federico Sboarina e lo ha scritto nero su bianco a Berlusconi, facendo appello alla sua "visione politica che dal 1994 ad oggi ha guidato la nostra azione - scrivono i forzisti dissidenti - Nella nostra città sta avvenendo un fatto gravissimo. A fronte di un dialogo costruttivo che era nato tra esponenti di Forza Italia di oggi e di ieri al fine di convergere su un progetto politico inclusivo che si richiamasse ai principi liberali ed europeisti di un centrodestra moderato, assistiamo al diktat tutto romano che imporrebbe a Forza Italia di sostenere il candidato salviniano Federico Sboarina, fintamente civico e realmente legatissimo alla Lega Nord".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sboarina non rappresenterebbe il centrodestra in cui credono i forzisti che hanno sottoscritto la lettera inviata a Berlusconi. "A Verona sta nascendo un laboratorio politico importante, in accordo con il mondo vicino a Flavio Tosi, a realtà civiche e culturali, che potrebbe senza dubbio alcuno portare alla vittoria del vero centrodestra moderato - conclude la missiva - Reclamiamo, come esponenti di Forza Italia, il diritto di aderire a questo laboratorio e di esserne perno fondamentale. Non vogliamo trovarci costretti a lasciare la nostra casa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Partire da Verona: le info utili per come raggiungere l'aeroporto

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Focolaio di Covid-19 a Verona: marito ricoverato e famiglia messa in quarantena

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • 'Ndrangheta in provincia di Verona dai primi anni '80: l'operazione scattata all'alba

Torna su
VeronaSera è in caricamento