Verona, ricercatori scoprono cause dei tumori ma il governo taglia i fondi

Il presidente della Regione, Luca Zaia: "Proprio questo polo veneto di eccellenza è finito nel tritacarne delle maldestre politiche romane che hanno negato alle università migliori d'Italia gli attesi 41 milioni"

Un nuovo passo avanti per la ricerca e nuove soddisfazioni per l'università di Verona. Un team di scienziati al lavoro tra il centro di ricerca Arc-Net dell'Ateneo scaligero e la Johns Hopkins University di Baltimora ha identificato i geni la cui mutazione è responsabile dell'insorgenza di una gran parte di neoplasie delle vie biliari. La scoperta è stata pubblicata oggi, sulla rivista scientifica Nature Genetics. "Grazie all'identificazione - spiega Aldo Scarpa, coordinatore scientifico dello studio del centro scaligero, direttore di Arc-Net - originata dal confronto dei dati di sequenziamento del genoma di questi tumori operata separatamente dai due centri su due diverse casistiche, per la prima volta sarà possibile effettuare una tipizzazione della patologia nei pazienti affetti da questi tumori applicando moderne tecniche di diagnostica molecolare oggi disponibili".

La scoperta dei geni implicati in questi tumori - prosegue Scarpa - consente di operarne una sottoclassificazione applicando le moderne tecniche di diagnostica molecolare sviluppate nei laboratori dell'Anatomia patologica dell'università di Verona. Questo apre la strada a nuove potenzialità terapeutiche con farmaci mirati in grado di colpire in maniera specifica i diversi sottotipi molecolari di questi tumori". A rendere possibile il risultato la collaborazione tra l'Oncologia medica universitaria diretta dal professor Giampaolo Tortora e il centro di ricerca Arc-Net, l'attività pluriennale di un centro chirurgico di eccellenza impegnato nella cura delle neoplasie epatiche diretto dal professor Alfredo Guglielmi e la presenza di un gruppo di studio multidisciplinare delle neoplasie del fegato e delle vie biliari, coordinato dal professor Calogero Iacono. Importante anche il coinvolgimento del dottor Filippo de Braud, direttore dell'Oncologia medica dell'Istituto tumori di Milano. "I tumori delle vie biliari, o colangiocarcinomi, - spiega Alfredo Guglielmi, coautore dello studio - sono neoplasie maligne che originano nei dotti che drenano la bile dall'interno del fegato alla colecisti e da questa all'intestino. In Italia si osservano circa 9500 casi l'anno e 450 nel Veneto. Gli interventi chirurgici per curare tale neoplasia sono molto complessi e per questo necessitano di studio e trattamento in ambienti altamente specializzati".

TAGLI E FUTURO - "Un plauso e un ringraziamento agli scienziati dell'università di Verona "per la fondamentale scoperta che ci consente di segnare un'altra importante tappa nella lotta contro il cancro", sono stati espressi oggi dal presidente del Veneto Luca Zaia. "Ma resta forte l'amarezza - osserva Zaia - nel constatare che proprio questo polo veneto di eccellenza nella ricerca scientifica è finito nel tritacarne delle maldestre politiche romane che hanno negato alle università migliori d'Italia gli attesi 41 milioni inseriti nel pacchetto scuola. Il governo ripristini subito il fondo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Verona, così come Padova e Venezia, si confermano università di prim'ordine, come peraltro le classifiche Anvur hanno recentemente testimoniato ponendole tutte e tre nella top five nazionale - prosegue Zaia - Siamo orgogliosi dei nostri atenei, dei nostri docenti e dei nostri ricercatori, che sanno imporsi a livello mondiale col valore del loro lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La bella iniziativa del Comune di Bussolengo che favorisce il turismo e andrebbe imitata

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • Nuovi casi positivi al coronavirus nel territorio veronese: tutti i Comuni di appartenenza

  • Si è spento il veronese Alberto Bauli, re del Pandoro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento