rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Cronaca Centro storico / Piazza Brà

Verona, meno 31 milioni da Roma, casse del Comune piangono: salgono le tasse, tagli agli assessori

Sforbiciate alle dotazioni per lo Sport, l'Itruzione e il Personale. Agsm non aiuta per la crisi della centrale idroelettrica. Tra Imu e Tasi il sindaco Tosi si aspetta di veder arrovare 137 milioni: "Nonostante questo abbiamo tra i tributi più bassi"

Se si parla di tasse si parla di “stangata”. Sembra una costante quella che tocca ai veronesi. A maggior ragione se ne parla alla luce dell’approvazione del bilancio di previsione 2014 da parte della Giunta di Flavio Tosi. Dopo aver fatto incetta di voti alle Europee, il sindaco è tornato alle prese con i problemi di Verona. Viste le difficoltà nel far quadrare i conti, sono arrivati altri tagli agli assessorati per compensare i mancati introiti da parte dello Stato. 2,2 i milioni che verranno risparmiati e che erano in dotazione ai settori: via 200mila euro all’Istruzione, 1,5 milioni sul Personale, via 400mila dallo Sport. Altri “spiccioli” verranno accumulati dalla diminuzione degli interessi passivi sui mutui.

Il bilancio è di 311 milioni di euro, praticamente lo stesso della gestione 2013, scorporati i milioni di tagli previsti quest’anno. Ciò che cambia, sensibilmente, sono i soldi in arrivo da Roma. Che in realtà non arrivano. Il sindaco Tosi parla di 31 milioni in meno rispetto al 2013, e 27 di questo sono relativi alle prime case. Inoltre, gli appelli e gli “inviti” ad Agsm per contribuire alle casse comunali sembrano non aver dato gli esiti previsti: la multiutility comunale verserà “solo” 4 milioni a Palazzo Barbieri e non 14, come l’anno scorso. 8 milioni in meno dovuti alla svalutazione della centrale di Salionze, causata dal tipo di energia prodotta, il cui prezzo non risulta più concorrenziale sul mercato. È lo stesso Tosi ad alzare la voce dopo aver fatto i conti in Giunta. Non sarà dunque una novità il fatto che per compensare i mancati introiti da Roma si andranno ad alzare le tasse in città.

IMU E TASI, IL COMUNE DIRADA OGNI DUBBIO: ECCO LE SCADENZE DELLE TASSE

“Ormai è diventato un meccanismo automatico, anche per il nostro Comune – spiega Tosi- che non solo è virtuoso, ma che è anche fra i capoluoghi con la tassazione complessiva più bassa: ogni volta che lo Stato taglia i trasferimenti ai Comuni, questi devono aumentare di pari importo la pressione fiscale locale, per evitare di penalizzare i servizi ai cittadini.

"Noi abbiamo un bilancio di spesa corrente che è in continua decrescita, continuiamo a diminuirlo mantenendo allo stesso tempo invariati i servizi sociali, che sono intoccabili. Ma in un quadro così complesso – continua Tosi - in cui lo Stato taglia 31 milioni di euro di trasferimenti da un anno all’altro, portandone via poi altri 48 di tasse sugli immobili (32 dal Comune e 16 dai proprietari di immobili di categoria D), saremo costretti ad aumentare le imposte per un importo pari al mancato trasferimento dello Stato. Da Imu e Tasi dovranno entrare 137 milioni, è questa la cifra su cui si regge il bilancio 2014 per cui incontreremo a breve le categorie economiche e i rappresentanti dei proprietari immobiliari, per illustrare loro la situazione finanziaria e confrontarsi su quelli che possono essere i margini di manovra, all’interno di una cifra complessiva che dovrà necessariamente rimanere invariata”. 

L'OPPOSIZIONE - Non molto d'accordo con il sindaco sono i deputati veronesi del Partito Democratico che ravvisano come "i tagli al Comune abbiano origine nel Governo Berlusconi. Per il 2014 - spiegano Vincenzo D'Arienzo e Diego Zardini - il taglio corrisponde per tutti i Comuni italiani a circa 6,5 miliardi e per le Province a circa 2,7 miliardi. Forse Tosi non lo sa, ma ad aprile abbiamo stabilito che i Comuni e le Province devono risparmiare sui contratti in essere sui servizi e sull'acquisto dei beni almeno il 5% rispetto al 2013 dando la possibilità di scegliere le modalità per ricontrattare gli accordi. Solo se non ci riusciranno, interverranno i tagli per 376 milioni per i Comuni e 563 milioni per le Province".

Continuano i parlamentari alla Camera del Pd veronese: "Siamo curiosi di vedere cosa farà Tosi, ovvero se ridurrà alcuni sprechi o farà pagare ai veronesi la sua inerzia. Dalle grida odierne, si capisce che ha già scelto. Anche per il 2015 sono previsti tagli consistenti. Tosi li affronterà o leggeremo lo stesso articolo anche l'anno prossimo? Nonostante tutto fosse conosciuto, Tosi non ha mai messo mano ai risparmi: consulenze, incarichi, avvocati pagati per le sue querele. Ha sempre preferito aumentare le tasse comunali e il prelievo Irpef e sempre con la stessa tecnica: prima le urla verso Roma, poi l'aumento e, quindi, continuare con gli sprechi di sempre".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, meno 31 milioni da Roma, casse del Comune piangono: salgono le tasse, tagli agli assessori

VeronaSera è in caricamento