menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio al B&B. Resta in libertà il 37enne che uccise il collega di lavoro

Rimane a piede libero con il divieto di dimora a Verona Sergio Filipe Soares Lourenco, il portoghese che nella serata del 31 agosto colpì con un coltello alla coscia destra Joachim Manuel Fajardo Moio, recidendo l'arteria femorale

Sergio Filipe Soares Lourenco, portoghese di 37 anni accusato di omicidio preterintenzionale, rimarrà a piede libero in attesa di un'altra decisione del Riesame. 
Come spiega TgVerona, a deciderlo è stata la Cassazione e per l'uomo, scarcerato già nel novembre 2017 dopo essere stato rinchiuso a Montorio, resta in vigore il divieto di dimora a Verona. 

L'OMICIDIO - Il 37enne aveva confessato di aver colpito un suo collega, Joachim Manuel Fajardo Moio di 58 anni, mentre si trovavano nel  bed&breakfast "La Dimora del Viaggiatore" di via Legnago, provocandone la morte. Il tutto prese il via da una banale lite per una sigaretta non concessa, con Lourenco che aveva ferito il connazionale alla coscia destra con un coltello, recidendo l'arteria femorale, dichiarando poi che si era tratto solo di una tragica fatalità. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento