rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca Centro storico / Piazza Bra

I negozi e le attività accessibili senza green pass anche dopo l'1 febbraio 2022

Dal prossimo 1 febbraio sarà obbligatorio esibire il certificato verde anche per accedere ai negozi, salvo alcune eccezioni

In base a quanto previsto dal decreto-legge 7 gennaio 2022, n. 1 a partire dal giorno 1 febbraio 2022 sarà obbligatorio essere titolari del green pass, anche quello "base" (ottenuto cioè eventualmente tramite tampone negativo), per aver accesso agli uffici pubblici, ai servizi postali, bancari e finanziari, nonché infine anche alle attività commerciali, vale a dire ai negozi. Proprio in merito a questi ultimi, lo stesso decreto-legge prevedeva la successiva adozione da parte della Presidenza del Consiglio dei ministri di un apposito provvedimento che dovrà elencare in modo dettagliato la lista completa delle attività commerciali ritenute "essenziali" e per le quali non sarà dunque richiesto il green pass ai fini dell'accesso.

Covid, green pass base e super, obbligo vaccinale e multe: il calendario delle norme dal 10 gennaio a giugno

Il Dpcm è al momento in fase di elaborazione, ma sono già filtrate alcune indiscrezioni, riportate dall'Ansa, circa i negozi all'interno dei quali chiunque potrà accedere ugualmente, dall'1 febbraio 2022, anche senza certificazione verde Covid. Si tratta in particolare delle seguenti attività commerciali:

  • Supermercati.
  • Farmacia.

Oltre a queste, tra le situazioni per le quali il green pass non risulterà necessario dovrebbero figurare nel Dpcm in elaborazione anche le seguenti:

  • Accesso in ospedale.
  • Accesso all'ambulatorio del medico di base.
  • Accesso all'ambulatorio veterinario.

Un'altra fattispecie che dovrebbe essere integrata dall'atteso Dpcm è quella relativa alla sfera della "giustizia" e della "pubblica sicurezza". In particolare il green pass non dovrebbe risultare necessario, anche dopo l'1 febbraio 2022, qualora si debba depositare una denuncia se si risulta essere vittime di un reato, oppure per altre esigenze ad esempio di tutela di soggetti minorenni.

Naturalmente, altre attività commerciali potrebbero essere aggiunte nel provvedimento finale. Al momento spicca l'assenza dei negozi di abbigliamento in senso lato, là dove invece anche in precedenti fasi con restrizioni molto severe venne comunque garantito, ad esempio, l'accesso a negozi di vestiti per bambini o di biancheria intima. Non è dunque da escludere che il Dpcm finale possa integrare anche altre attività alle quali risulti possibile accedere senza green pass. In chiusura, ricordiamo che sempre dall'1 febbraio 2022 è previsto che la durata delle certificazioni verdi da vaccinazione e guarigione si riduca effettivamente da 9 a soli 6 mesi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I negozi e le attività accessibili senza green pass anche dopo l'1 febbraio 2022

VeronaSera è in caricamento