Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, Zaia: «Verona è tiratissima per i ricoveri in ospedale»

«Posti letto ce ne sono ancora, ma ci dobbiamo impegnare nel rispetto delle regole e del distanziamento sociale», ha aggiunto il presidente regionale

Ieri, 17 dicembre, l'ha annunciata e poi in serata l'ha firmata. Ma è stata al centro anche dell'aggiornamento di oggi, l'ordinanza con cui il presidente regionale Luca Zaia limiterà gli spostamenti in Veneto fino al giorno dell'Epifania. Insieme a Zaia, era presente anche il capo dell'avvocatura regionale Franco Botteon per dissipare i dubbi sull'ordinanza. Ma è stata invitata anche il tecnico della Regione Patrizia Simionato, la quale si è occupata della ricerca del personale per le Ulss del Veneto. «Mi inquieta sapere che alcuni cittadini possano pensare che siamo a corto di personale sanitario per colpa di qualcuno che ha dormito», ha dichiarato Zaia.

L'ordinanza entrerà in vigore da domani, ma oggi Luca Zaia e gli altri presidenti di Regione avranno un confronto con il Governo sulle restrizioni che potrebbero essere introdotte a livello nazionale e quindi anche in Veneto. C'è dunque la possibilità che l'ordinanza regionale possa di fatto decadere subito se in contrasto con il provvedimento statale. «Ancora non è dato sapere se hanno deciso qualcosa a riguardo - è stato il commento di Zaia - E poi oggi discuteremo anche del piano vaccinale perché tra nove giorni potremmo ricevere le prime dosi del vaccino anti-Covid, mentre le prime somministrazioni dovrebbero essere eseguite nei primi giorni di gennaio».

Ma il presidente del Veneto ha letto anche il bollettino sull'emergenza Covid aggiornato alle 8 di questa mattina, commentandolo così: «Sui ricoveri c'è un timido segnale positivo a livello regionale, ma ci sono territori in difficoltà. Ad esempio, Verona è tiratissima per i ricoveri in area non critica e nelle terapie intensive. Posti letto ce ne sono ancora, ma ci dobbiamo impegnare nel rispetto delle regole e del distanziamento sociale. Non possiamo resistere a questa pressione ospedaliera, ma questo significa dilatare in modo pauroso nel tempo le cure a pazienti non Covid. E non possiamo abbassare la guardia adesso».

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, Zaia: «Verona è tiratissima per i ricoveri in ospedale»

VeronaSera è in caricamento