Verona, "Me ne vado. Anzi no, resto": il deputato Giorgetti ritira le sue dimissioni dalla Camera

Già sottosegretario e veterano veronese del parlamento italiano, due settimane fa aveva annunciato di voler lasciare Montecitorio per dedicarsi a famiglia e lavoro. Salvo poi ripensarci: "Me lo chiedono colleghi ed esponenti del territorio"

Alberto Giorgetti

È il veterano veronese del parlamento italiano. E così resterà. Il deputato Alberto Giorgetti sembra aver ritirato le sue dimissioni dalla Camera. Un nuovo colpo di scena seguito dopo il primo, quando il capogruppo di Forza Italia a Montecitorio, Renato Brunetta, aveva annunciato le intenzioni dell’ex sottosegretario all’Economia. Sembravano irrevocabili ma a conti fatti non lo erano. Giorgetti aveva dichiarato di volersi prendere più tempo per la famiglia e per il lavoro. Su di lui si erano diffuse indiscrezioni circa un ruolo da top manager in una multinazionale. Il Movimento 5 Stelle, per voce dell’esponente scaligero Mattia Fantinati, aveva svelato che dietro quella scelta c’era la volontà del forzista di andare a presiedere Lottomatica, colosso delle scommesse italiane. La scelta dell'esponenente di centrodestra viene segnalata da L’Arena, spiegando le nuove motivazioni del 45enne, che alle spalle conta ben 5 legislature e due incarichi da sottosegretario. Forse spinto dall’evoluzione della politica introdotta dal premier Matteo Renzi, la “rottamazione”, Giorgetti aveva compiuto un passo indietro. Salvo ora farne tre avanti:

«Sì, è vero, resto deputato. Ho ritirato le dimissioni. Ho visto un sospiro di sollievo dappertutto», conferma Giorgetti. Perché sollievo? «Perché anche qui alla Camera sembrava che nessuno avesse mai deciso di lasciare il Parlamento, nessuno capiva...» … «…ho vissuto situazioni che non avrei mai immaginato. Il territorio non l'ha presa bene, non ha capito la mia scelta, si è trovato disorientato. La mia decisione vuole essere una risposta: resto, poi vedremo».

Il deputato berlusconiano (ex An, ex Pdl e Ncd e adesso in Forza Italia) ha spiegato che comunque il suo futuro ruolo da manager non è in discussione ma che ha ritirato le dimissioni per scelta politica e di campo. Molti suoi sostenitori locali, tra cui alcuni sindaci, gli avrebbero manifestato ansia e preoccupazione a seguito della decisione. “Allora ho eliminato il problema”, avrebbe chiarito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

  • Persona investita da un'auto, trasportata d'urgenza in ospedale: è grave

  • Investimento sui binari: circolazione dei treni sospesa sulla Verona-Bologna

Torna su
VeronaSera è in caricamento