Modifiche al Parco della Lessinia, salgono a 107 le associazioni contrarie

I sindaci della zona sostengono la proposta, ma le forze di opposizione in Regione hanno raccolto l'appello di chi non è d'accordo: «Ridurre i confini del parco è incomprensibile»

Parco della Lessinia

Da 71 sono diventate 107 le associazioni che hanno sottoscritto la richiesta di ritiro del progetto di legge regionale che modificherebbe il Parco della Lessinia e i suoi confini. La proposta è avanzata dai consiglieri regionali Enrico Corsi, Alessandro Montagnoli e Stefano Valdegamberi e sostenuta dai sindaci dei comuni veronesi che fanno parte del parco. Oggi, 9 gennaio, è stata discussa nella commissione regionale competente e il malcontento espresso dalle numerose associazioni, che temono una riduzione di circa il 20% delle dimensioni del parco, è stato ascoltato dalle forze politiche di opposizione. «Facciamo nostro l'appello in difesa del parco, sottoscritto da 107 associazioni rappresentative della Lessinia e della provincia di Verona, e chiederemo ai consiglieri della maggioranza di ritirare la proposta di legge regionale 451. Se la proposta non verrà ritirata, annunciamo fin d'ora il nostro voto contrario - hanno dichiarato i consiglieri Piero Ruzzante, Patrizia Bartelle e Cristina Guarda - È incomprensibile la proposta della maggioranza di ridurre i confini del Parco».

Ed anche il Partito Democratico veneto vuole lottare affinché le modifiche non passino in consiglio regionale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le tutele del territorio vanno aumentante non diminuite - hanno dichiarato i consiglieri Andrea Zanoni e Anna Maria Bigon - il Veneto è la regione con il maggior incremento di consumo di suolo d'Italia e ha una percentuale di aree a parco inferiore alla media nazionale, circa la metà. La nuova perimetrazione e la nuova zonizzazione del Parco della Lessinia sono dannose. La Lega vuole ridurre del 20% la superficie protetta, eliminando i vaj e altre aree ricchissime di biodiversità. È sbagliato considerare i Parchi come un freno allo sviluppo a causa dei vincoli. È vero l'opposto: se ben gestite, le aree protette attraggono finanziamenti e sono un'opportunità per turismo, economia locale e nuove professioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • La bella iniziativa del Comune di Bussolengo che favorisce il turismo e andrebbe imitata

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • Si è spento il veronese Alberto Bauli, re del Pandoro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento