Ministro dell'ambiente Costa appoggia progetto di tutela dell'Alto Borago

Il progetto è stato illustrato al ministro nel Maso di Negrar di Valpolicella dall'associazione Il Carpino, guidata da Mario Spezia. Presente anche il candidato presidente 5 Stelle Enrico Cappelletti

Il ministro Costa

«Questa mattina al Maso di Negrar di Valpolicella si è tenuto un incontro molto proficuo con il ministro dell'ambiente Sergio Costa, organizzato dal Movimento 5 Stelle. Il nostro obiettivo era fargli conoscere l'associazione Il Carpino, guidata da Mario Spezia, e l'importantissimo progetto di tutela del Fondo Alto Borago. L'area, di circa 38 ettari che ricade sui territori comunali di Negrar e Verona, è un'area boschiva che rischia di essere trasformata in monocultura, minacciando così l'enorme biodiversità presente in essa». Lo ha affermato oggi, 14 settembre Enrico Cappelletti, candidato presidente alla Regione Veneto per i 5 Stelle al termine dell'incontro con il ministro Costa, per promuovere il Fondo Alto Borago, progetto lanciato attraverso il Borago Day.
«La visita si è rivelata un'esperienza molto positiva di cittadinanza attiva, cioè di partecipazione democratica, in uno dei luoghi più segnati dalla miopia dell’attuale giunta regionale verso l'ambiente e la sua tutela - ha aggiunto Cappelletti - Erano presenti il sindaco di Negrar Roberto Grison, la deputata 5 Stelle Francesca Businarolo e Diego Zardini del PD, il consigliere regionale Manuel Brusco ed i nostri candidati consiglieri».

ministro costa verona-3
(Il progetto viene illustrato al ministro Costa)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo un breve sopralluogo nell'area sovrastante il fondo, i partecipanti hanno ragionato su possibili azioni da intraprendere per tutelare il bosco da possibili trasformazioni ad uso agricolo. Costa ha messo a disposizione gli uffici ministeriale ed ha auspicato il coinvolgimento diretto dei sindaci di Verona e Negrar, dei proprietari del fondo, delle associazioni e degli altri soggetti coinvolti. «È importante che molti cittadini si siano attivati per questa nobile causa, questo significa che la tutela dell'ambiente ricopre un ruolo sempre più importante anche a livello economico e ci sentiamo estremamente ottimisti», ha concluso Brusco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni in Veneto: come si vota? Dal voto disgiunto alle preferenze, tutte le informazioni

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • Elezioni del 20 e 21 settembre 2020: come si potrà votare e per cosa

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Zaia ha anche un lista tutta sua, ecco i candidati in provincia di Verona

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento