Toninelli annuncia le concessioni per A4 e A22: «Stop ai profitti regalati ai privati»

«Il cambiamento è pronto. - ha detto il ministro 5 Stelle - Avremo un rapporto equilibrato tra investimenti effettivi e pedaggi, una produzione di valore che torna ai cittadini, a chi viaggia»

Il ministro pentastellato Danilo Toninelli - immagine d'archivio

«Abbiamo detto basta agli esorbitanti e ingiustificati profitti regalati ai privati. E abbiamo aperto a una gestione pubblica delle autostrade, che garantisce più servizi a chi viaggia e distribuisce gli utili ai territori. Ecco perché mi sono impegnato tanto sin dall'avvio del mio mandato, con un grande sforzo dei miei uffici, per mettere a punto uno schema equilibrato ed efficace di convenzione per la gestione dell'autostrada A22 Brennero-Modena e della A4 Venezia-Trieste, le cui concessioni erano scadute». A dichiararlo è stato il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, in relazione alle nuove concessioni sull'autostrada A22 Brennero-Modena e A4 Venezia-Trieste, entrambe ormai scadute.

Proprio nei giorni scorsi il sindaco di Verona Federico Sboarina si era incontrato con il presidente della Provincia Manuel Scalzotto per affrontare il delicato argomento, ed entrambi avevano riconfermato la necessità per il Governo di non stravolgere il modello di lavoro, giudicato buono e funzionale per i territori locali, di gestione di Autobrennero degli scorsi anni. «La società Autobrennero è una infrastruttura fondamentale per tutti i nostri territori. – aveva spiegato il primo cittadino scaligero Sboarina - Senza contare che da anni è un ottimo esempio di buona gestione e impareggiabile efficienza. Ecco perché dobbiamo essere attenti al mantenimento di questi risultati e agire nell’interesse delle nostre zone».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ministro pentastellato Toninelli ha in ogni caso insistito rivendicando il proprio operato al governo: «Il cambiamento è pronto. Avremo un rapporto equilibrato tra investimenti effettivi e pedaggi, una produzione di valore che torna ai cittadini, a chi viaggia e alle aree interessate. In termini di sicurezza, qualità, ricchezza e sostenibilità. Lo Stato - ha infine concluso l'On. Toninelli - ha dato una mano determinante ai territori, a differenza di quanto insinuato da qualche politico del nord».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento