rotate-mobile
Politica Stazione / Piazzale XXV Aprile

Destinazione Italia, Matteo Renzi contestato in Veneto. Casali: "Un flop"

Il consigliere regionale: "Per il segretario del PD nessun bagno di folla, ma solamente pochi fedelissimi deputati ad accoglierlo, oltre ai fischi e alle contestazioni dei correntisti truffati dalle banche venete"

"Dopo i cannoli amari arrivano anche le polente indigeste". È gastronomica la battuta di Stefano Casali, consigliere regionale e responsabile di Idea Veneto, movimento fondato da Gaetano Quagliariello. Una battuta per commentare il passaggio a Verona e in Veneto di Destinazione Italia, il treno con cui il segretario del PD Matteo Renzi sta compiendo un tour in tutta Italia.

Il vento è cambiato e se ne sta accorgendo anche l'ex premier - ha scritto Casali - A Verona e in Veneto nessun bagno di folla ad accoglierlo, zero elettori e simpatizzanti, ma solamente pochi fedelissimi deputati ad accoglierlo, oltre ai fischi e alle contestazioni dei correntisti truffati dalle banche venete.

Correntisti a cui lo stesso Renzi ha risposto di persona a Thiene. Alcuni contestatori gli hanno dato del buffone e gli hanno attributo le responsabilità dei fallimenti delle banche venete. Il segretario del PD è andato verso i contestatori ribadendo che i fallimenti non sono colpa sua ma dei dirigenti degli istituti del territorio e anche di Banca d'Italia e Consob che non hanno vigilato.

Migliaia di famiglie sono andate gambe all'aria per colpa delle banche - ha dichiarato il deputato veronese 5 Stelle Mattia Fantinati - Renzi ha ancora il coraggio di venire a raccontarcela? Il Veneto non ne vuole più sapere di chi ha strizzato l'occhio alle banche ed ora fa finta di attaccarle per un pugno di voti in più.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Destinazione Italia, Matteo Renzi contestato in Veneto. Casali: "Un flop"

VeronaSera è in caricamento