Cronaca Villafranca di Verona / Via Castello Scaligero

Verona, giovanissimi e alcol: parte la campagna di prevenzione contro l'abuso nelle scuole

Il progetto sarà realizzato con giornate in cui saranno spiegate, tramite slides, le malattie mortali, come la cirrosi epatica, tumori, tubercolosi all’apparato respiratorio, i danni al sistema nervoso periferico

Una delle grandi piaghe sociali recenti è l’uso di alcool nei giovanissimi senza distinzione tra i due sessi, tra le diverse culture e ceti sociali. Secondo recenti indagini statistiche in Italia il primo bicchiere è consumato a undici anni mentre in Europa a tredici. Si tratta di un dato preoccupante se si considera che secondo quanto sostenuto dall’Organizzazione mondiale della Sanità “sotto i sedici anni il sistema nervoso non è ancora completamente sviluppato” per cui non è in grado di sostenere quantità elevate di alcool. Nonostante sia un fenomeno preoccupante, le campagne informative fin adesso realizzate si sono concentrate sull’Aids e sullo stato fisico in cui si ricorre con l’uso di droghe, mentre il tema dell’alcool è rimasto nell’ombra.

L’associazione nazionale di azione sociale, Anas Veneto, promuove per questo il progetto “Non troppo piccoli per parlare di alcool”, rivolto agli studenti delle scuole del territorio veronese, con l’obiettivo di far conoscere gli effetti sull’organismo e sul cervello e le patologie correlate all’uso dell’alcool. In sostanza, fare prevenzione sui giovanissimi in modo da evitare che si trasformino in nuovi consumatori di alcool.

Il progetto sarà realizzato con delle giornate, il cui numero è da stabilire in base al numero degli alunni in cui saranno spiegate con slide, adeguate al target di riferimento, le malattie mortali, come la cirrosi epatica, tumori, tubercolosi all’apparato respiratorio, i danni al sistema nervoso periferico e i disturbi comportamentali, cui si va incontro con l’uso dell’alcool, seguite da testimonianze di ragazzi che si sono fatti travolgere dal vortice dell’alcool. "Abbiamo cominciato ad approfondire la questione dell'alcool rivolgendoci ad esperti in materia - - spiega Francesco Bitto, presidente di Anas - e abbiamo capito che per fare sensibilizzazione si doveva partire dalle scuole medie, perché è in questo contesto che il problema comincia a farsi sentire. Fino ad ora il progetto è stato esposto in diverse scuole, fra cui quelle di  Vigasio e Povegliano Veronese e a maggio andremo a Villafranca".

Le giornate si concluderanno con un aperitivo analcolico a base di frutta in modo da dare una valida e sana scelta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, giovanissimi e alcol: parte la campagna di prevenzione contro l'abuso nelle scuole

VeronaSera è in caricamento