rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Attacco russo all'Ucraina, Zaia: «Non ci sono giustificazioni. È una follia criminale»

Parole di condanna arrivano dal presidente del Veneto sui venti di guerra tornati a soffiare sull'Europa: «Il dialogo, la diplomazia devono assolutamente prevalere su bombe, devastazione e morte perché siamo di fronte a un fatto da condannare in maniera totale»

«Non ci sono giustificazioni, e non ce ne possono essere, a quello che sta accadendo. È una follia criminale. È inaudito che nel terzo millennio si debbano ancora ricevere notizie di città bombardate». È questo il commento del Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ai tragici sviluppi in atto tra Russia e Ucraina.

«Peraltro – aggiunge Zaia – è una guerra che ci tocca da vicino, con tutte le gravi ricadute economiche che si stanno verificando. Abbiamo tutti il dovere, ognuno con i propri mezzi, purché pacifici, di fermare questa atrocità e la Comunità Internazionale deve impegnarsi a non rispondere alla violenza con un’altra violenza.
Ciò che sta accadendo è inaudito – prosegue il Presidente del Veneto – a maggior ragione di fronte a un mondo devastato da una pandemia con milioni di morti. E in questo quadro ci troviamo di fronte al bombardamento di una comunità in ragione di dichiarazioni assolutamente insostenibili di indipendenza o altri discorsi del genere.
Il dialogo, la diplomazia devono assolutamente prevalere su bombe, devastazione e morte – conclude Zaia – perché siamo di fronte a un fatto da condannare in maniera totale. Non ci sono se e non ci sono ma. Intervenga la diplomazia e si blocchi questa azione folle».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attacco russo all'Ucraina, Zaia: «Non ci sono giustificazioni. È una follia criminale»

VeronaSera è in caricamento