menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In piazza Bra per ricordare le vittime delle mafie. Mulas: "Occorre fare di più"

La manifestazione si è svolta in tutta Italia e non solo. Nel Veneto si è scelto di organizzare il corteo a Verona, per la presenza della criminalità organizzata nel territorio scaligero

Questa mattina, 21 marzo, in piazza Bra a Verona si è tenuta una delle tante manifestazioni che si sono svolte in Italia e non solo per la Giornata della memoria e dell'impegno per le vittime della mafia, evento promosso da Libera di don Ciotti.

In Veneto è stata scelta la piazza di Verona perché proprio nel territorio scaligero è nota la presenza della criminalità organizzata. Davanti a centinaia di studenti provenienti da tutta la regione hanno preso la parola istituzioni e associazioni, ma anche i familiari delle vittime e sono stati letti i nomi delle vittime innocenti della mafia.

IMG-20170321-WA0001-3

Il coordinatore regionale di Libera Roberto Tommasi ha ricordato la pericolosa presenza della 'ndrangheta nel veronese, mentre il prefetto Salvatore Mulas ha sottolineato le sue interdittive per proteggere il territorio da aziende che potrebbero avere legami con la criminalità organizzata. "Ma non basta - ha dichiarato Mulas - Occore fare di più e più in fretta perché la mafia s'infiltra sempre più velocemente e lo Stato non può permettersi di arrivare in ritardo".

Intanto il candidato sindaco e consigliere comunale Michele Bertucco ha voluto raccogliere l'appello lanciato dalla giornata di oggi. Bertucco ha avanzato una proposta di condivisione bipartisan da portare già lunedì 27 Marzo all'attenzione della Conferenza dei Capigruppo con l'obiettivo di una rapida candelarizzazione per il Consiglio comunale. Con questa proposta si chiede che Verona aderisca alla rete antimafia di Libera. "La proposta di adesione a quella che allora si chiamava Carta di Pisa, il codice di autoregolamentazione contro la corruzione e il pericolo di infiltrazione malavitosa nelle pubbliche amministrazioni, in seguito ridenominato Carta di Avviso Pubblico, è stata la mia primissima proposta da capogruppo dell'opposizione nel 2012 - ricorda Bertucco - Purtroppo fu bocciata. Nei cinque anni successivi le indagini della magistratura e delle forze dell’ordine hanno dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio che Verona è un crocevia importante e un punto di interesse fondamentale per le mafie al Nord. Non si può più continuare ad ignorare il pericolo. È necessario che anche l’amministrazione comunale assuma i necessari anticorpi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento