'Ndrangheta, anche un veronese tra i 17 arresti dell'operazione Sbarre

È un 22enne di Isola della Scala residente a Villafranca. È coinvolto in un'indagine coordinata dall'Antimafia di Reggio Calabria su due gruppi criminali interessati allo spaccio di stupefacenti

I carabinieri impegnati negli arresti

Sono 19 le misure cautelari emesse dal giudice per le indagini preliminari nell'ambito dell'operazione dei carabinieri denominata «Sbarre», nome ricavato da un popoloso quartiere di Reggio Calabria. È stata proprio l'Antimafia reggina a coordinare le indagini su due gruppi criminali, interessati principalmente nel traffico di sostanze stupefacenti. L'operazione ha interessato anche la provincia di Verona e nella lista dei 17 arrestati (gli altri due cittadini coinvolti sono stati sottoposti ad un obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria) pubblicata da ReggioToday figura anche un 22enne di Isola della Scala residente a Villafranca.

Per il giovane veronese arrestato l'accusa è di spaccio di sostanze stupefacenti. Sarebbe stato un suo parente, anche lui bloccato dai carabinieri, ad avergli fornito la droga che poi il 22enne smerciava.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intera operazione è stata raccontata da Giovanni Verduci, sempre su ReggioToday, e vede al centro due gruppi criminali legati alla 'ndrangheta che, senza pestarsi i piedi, si dividevano le piazze dello spaccio attorno al quartiere Sbarre. Quelle piazze, però, sarebbero state solo l'inizio. Sarebbe, infatti, emerso che i vertici delle due organizzazioni avevano in mente di allargare il proprio business illecito in Veneto.
Il più grande dei due gruppi era anche il più organizzato: la struttura e i ruoli erano chiari, le comunicazioni avvenivano tramite pizzini o tramite utenze intestate a prestanome e veniva addirittura tenuta una precisa contabilità. Il gruppo più piccolo, invece, intratteneva rapporti continui con figure di spicco di importanti clan 'ndranghetisti locali.
Le indagini sono partite da un caso di sequestro di persona a scopo di estorsione avvenuto nel 2017. In sostanza, due minori avrebbero sottratto dello stupefacente ad una delle due organizzazioni criminali e lo avrebbero poi rivenduto. Per punizione, i due sarebbero stati prelevati e portati in un'abitazione dove sono stati legati, imbavagliati, picchiati ed anche minacciati con armi da fuoco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento