Inaugurata la Funicolare a Castel San Pietro e c'è chi il primo mese viaggia gratis

È stata inaugurata oggi, venerdì 9 giugno, la funicolare di Castel San Pietro che da domani sarà aperta e fruibile al pubblico, ma non sono mancate le polemiche in chiave elezioni

Il sindaco Flavio Tosi ha inaugurato oggi la funicolare che collega Santo Stefano a Castel San Pietro e che, da sabato 10 giugno, sarà aperta ai cittadini e ai turisti. L’opera, di proprietà del Comune, è stata finanziata da Fondazione Cariverona con un importo di circa 6 milioni di euro e costruita dall’impresa altoatesina Leitner.

La lunghezza del percorso inclinati è di 159 metri lineari con un dislivello di 55 metri. L’ascensore potrà trasportare 25 passeggeri; è prevista una fermata intermedia per la visita del parco archeologico del Teatro Romano. La gestione dell’impianto sarà affidata ad Agec.

Le tariffe: per adulti 2 euro andata e ritorno (1 euro a tratta); biglietto ad 1 euro per bambini al di sotto dei 10 anni e per gli over 65; per gruppi superiori alle 15 persone 1 euro e mezzo.

Per il primo mese di apertura, il biglietto sarà gratuito per i veronesi che abbiano compito il 65esimo anno di età.

Con il voto ormai alle porte, domenica 11 giugno, non sono tuttavia mancate considerazioni polemiche nell'immediato, in particolare da parte dell'Assessore Lavori pubblici - Edilizia sportiva e monumentale Edoardo Lana, il quale, dopo aver scelto di schierarsi in appoggio del candidato sindaco Federico Sboarina, ha voluto rimarcare all'interno di una nota ufficiale, la modalità da lui giudicata poco istituzionale della celebrazione per festeggiare l'inaugurazione della funicolare:

"Sono entusista dell’apertura della funicolare che rappresenta l’opera più importante di questi ultimi anni portata a termine dal Comune di Verona: ringrazio Fondazione Cariverona, gli Uffici del Comune, di AGEC e della Provincia per l’impegno profuso ed il risultato ottenuto. Sono profondamente rammaricato perché avrei preferito essere presente ad una inaugurazione istituzionale più consona, alla quale far venire anche tutte le numerose persone che nel periodo di mio mandato mi chiamavano quotidianamente per essere presenti al taglio del nastro (alcune delle quali avevano già utilizzato la funicolare nel periodo 1941/1944).

Questo doveroso dono ai cittadini è stato negato per una forzatura di evidente natura elettorale che, azzerando i tempi di invito e comunicazione, ha privato la città di un momento di festa e soddisfazione da condividere con tutti i veronesi. È stata infatti una palese e strumentale conferenza stampa ad uso e consumo della coalizione guidata dal sindaco Tosi e dell'amministrazione uscente per fini elettorali. Una mancanza di rispetto nei confronti degli enti che hanno reso possibile quest'opera. Un'amministrazione che utilizza mezzi istituzionali fino a poche ore dalla fine del suo mandato per cercare visibilità e risalto mediatico. Per fini elettorali, per interessi e per la fretta è stato negato un grande dono alla città di Verona e ai veronesi che non sono stati minimante coinvolti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bozza Dpcm: coprifuoco Natale e Capodanno (rafforzato), sì pranzi ristorante in zona gialla

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Drammatico scontro fra auto: morto un uomo e un ferito in ospedale

  • Santa Lucia: Verona tra tradizione e leggenda

Torna su
VeronaSera è in caricamento