Al via la 13ª edizione di ArtVerona, il sindaco Sboarina: "Investire nella cultura è essenziale"

"Investire nella cultura è il punto di partenza essenziale – ha evidenziato Sboarina durante la cerimonia – per rendere Verona città più viva, aperta ed in grado di sostenere, anche attraverso il suo ricco patrimonio artistico, la crescita economica del nostro territorio"

Con ArtVerona | Art Project Fair per quattro giorni la città si veste di cultura, arte e bellezza. È stata inaugurata questa mattina la 13ª edizione della Rassegna, in programma fino a lunedì 16 ottobre (info e orari su www.artverona.it), dedicata al Moderno e al Contemporaneo che, oltre le 140 gallerie presenti (+10% sul 2016, di cui 35 espongono per la prima volta) nei padiglioni 11 e 12 del quartiere di Veronafiere, si presenta come evento diffuso in molti luoghi conosciuti e da scoprire di Verona. Una fiera che, proprio come l’arte supera i confini dello spazio e del tempo e che grazie al portafoglio di manifestazioni organizzate direttamente dalla Fiera di Verona, fa della cultura l’elemento trasversale che unisce il mondo dell’impresa, rappresentato dal network di espositori e visitatori di fiere quali Marmomac, Vinitaly, Samoter e Fieracavalli.

Alla presenza di Romano Artoni, consigliere di amministrazione di Veronafiere, Adriana Polveroni, nuova direttrice Artistica di ArtVerona, Federico Sboarina, sindaco di Verona, Pino Caldana, Vicepresidente della Provincia di Verona, Elisa De Berti, Assessore della Regione Veneto, il taglio del nastro virtuale che ha dato il via all’esposizione in fiera, mentre in città questa sera e domani sera saranno inaugurate le mostre “Il mio corpo nel tempo. Lüthi, Ontani, Opalka alla Galleria d’Arte Moderna A. Forti (13 ottobre-28 gennaio) eIconoclash. Il conflitto delle immagini” al Museo di Castelvecchio (13 ottobre-7 gennaio), e la performance di Daniel Spoerri dal titolo “Banchetto Palindromo” in scena al Palazzo dei Mutilati (14 ottobre).

«Investire nella cultura è il punto di partenza essenziale – ha evidenziato il sindaco Sboarina – per rendere Verona città più viva, aperta ed in grado di sostenere, anche attraverso il suo ricco patrimonio artistico, la crescita economica del nostro territorio. Positivo, quindi, il connubio sempre più importante creatosi tra il quartiere fieristico e la città. Un fattivo rapporto di relazione che ha reso possibile, in particolare per questa edizione, la realizzazione di una crescente offerta di proposte artistiche parallele che, per tutto il fine settimana, coinvolgeranno i veronesi. È tra le priorità dell’Amministrazione – ha sottolineato Sboarina – far crescere, in collaborazione con tutto il tessuto sociale ed economico cittadino, la visibilità e l’attenzione rivolta alla città e alle tante bellezze artistiche presenti. Un tessuto culturale ricco e diffuso che rappresenta una risorsa fondamentale per la crescita di Verona».

Presenti alla cerimonia di apertura anche l’assessore alla Cultura Francesca Briani, il consigliere d’Amministrazione di Veronafiere Romano Artoni, la direttrice artistica ArtVerona e curatrice della mostra "Il mio corpo nel tempo" in programma al Gam Adriana Polveroni, l’assessore regionale Elisa De Berti e il vicepresidente della Provincia Caldana Pino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

Torna su
VeronaSera è in caricamento