Indagine caporalato veronese, Polato: "Grazie ai Finanzieri". M5S: "Endemico anche al nord"

Ass. Polato: "Sfruttare lavoratori e togliere loro diritti fondamentali, ha come conseguenza l'indebito arricchimento". Businarolo (M5S): "Il caporalato non è confinato ai campi del meridione ma è purtroppo endemico anche al Nord. Presto l’aumento degli ispettori"

L'Ass. alla Sicurezza del Comune di Verona Daniele Polato

«L'operazione di Polizia giudiziaria chiusa ieri dalla Guardia di Finanza di Verona contro un’organizzazione che gestiva il caporalato di numerosi cittadini extracomunitari, è la prova della grande efficienza e attenzione che le Fiamme Gialle da sempre pongono verso la tutela della legalità in tutte le sue forme». Ha commentato così l'Assessore alla Sicurezza del Comune di Verona Daniele Polato l'esito dell'indagine che ha scoperchiato una complessa situazione di sfruttamento lavorativo nella provincia veronese. 

«Sfruttare lavoratori e togliere loro diritti fondamentali, - ha quindi aggiunto l'Ass. Polato - ha come conseguenza l'indebito arricchimento e un peggioramento delle condizioni di lavoro. Un grazie da parte dell'Amministrazione comunale al Col. Pietro Bianchi, agli Ufficiali e ai Finanzieri che hanno impegnato molte ore di intenso lavoro per giungere agli arresti di oggi con la collaborazione dell'Autorità Giudiziaria scaligera».

Più cupo e preoccupato, invece, il commento all'episodio da parte della Portavoce M5S Veneto alla Camera Francesca Businarolo: «La brillante operazione della Guardia di Finanza nel Veronese disegna uno scenario inquietante. Il caporalato, come è stato dimostrato da altri episodi di cronaca, non è confinato ai campi del meridione ma è purtroppo endemico anche al Nord. E la parte peggiore consiste nel sistema che, nel caso portato alla luce da finanzieri, copriva lo sfruttamento. Diversi "colletti bianchi" sono stati implicati, tra cui un medico del lavoro, due dipendenti dell’Inps e proprio un militare della Guardia di Finanza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il Governo - ha quindi aggiunto l'On. Businarolo - sta già pensando a delle misure: la prima, annunciata dal ministro del Lavoro Luigi Di Maio, prevede l’aumento degli ispettori del lavoro. Risulta evidente come molti dei casi emersi, incluso quello veronese, siano figli di un clima di omertà se non di complicità, con professionisti e impiegati pubblici che si trasformavano in truffatori e falsari, convinti di farla franca. Ci sono poi le vittime, - ha concluso l'esponente dei 5 Stelle - a Foggia come a Verona e nel resto della Pianura Padana: persone che sono tagliate fuori dalla società civile e che non hanno accesso e talvolta nemmeno coscienza dei loro diritti di base. Non solo cittadini extracomunitari, ma anche italiani, resi disperati dalla disoccupazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus in Borgo Roma: calo ricoveri in intensiva nel Veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento