Il ballerino Akash Kumar dopo le accuse di razzismo chiede scusa alla città di Verona

Dopo le polemiche per le frasi del ballerino sulla "Verona di destra", Akash Kumar nell'ultima puntata di "Ballando con le Stelle" ha voluto chiedere scusa e riappacificarsi con la sua città

Il ballerino e modello di origine indiana Akash Kumar - foto frame Rai1 "Ballando con le Stelle"

Akash Kumar è un modello indiano che partecipa alla trasmissione condotta da Milly Carlucci "Ballando con le Stelle" in onda su Rai1. La scorsa settimana alcune sue dichiarazioni avevano suscitato numerose polemiche: «Come straniero non è facile farsi accettare a Verona, perché sono tutti di destra». Così si era espresso Akash Kumar, seguitissimo sui social, provando a giustificare il fatto di aver in passato già partecipato ad altri programmi tv e di aver impiegato altre generalità, cosa confermata anche dall'esistenza di diversi profili sempre sui social network che utilizzava con una differente identità.

Subito dopo le sue dichiarazioni era intervenuto il presidente del Consiglio comunale scaligero Ciro Maschio, il quale aveva duramente stigmatizzato le parole del ballerino ritenendole molto offensive e lesive per la città. E nell'ultima puntata del programma televisivo, Akash Kumar ha provato a riappacificarsi con la sua Verona, spiegando che la scorsa puntata era «abbastanza nervoso», ammettendo poi di «essere dispiaciuto perché ho offeso la mia città», ed infine chiedendo «scusa a tutti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento