Tamponi drive-in in fiera a Verona: arriva l'Esercito in aiuto della Ulss 9

L'intervento dei militari permetterà l’implementazione delle due postazioni per lo screening drive-in e delle postazioni fisse già esistenti, con l’obiettivo di incrementare le capacità di effettuazione dei test di screening e dei tamponi

Il drive-in in fiera a Verona

Da lunedì mattina, l’Esercito Italiano si è schierato al fianco dell’Ulss 9 scaligera per il potenziamento della struttura di viale dell’industria a Verona, allestita al padiglione 10 dell’Ente Fiera in collaborazione con il Comune di Verona. Il contributo fornito dai militari, permetterà di coadiuvare l’azienda sanitaria veronese nella gestione di uno dei duecento Drive-Through (DTD) fortemente voluti dal Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, in corso di allestimento in tutto il territorio nazionale nell’ambito dell’operazione denominata “IGEA”, svolta in collaborazione con il Ministero della Salute per fronteggiare l’emergenza sanitaria in atto.
Il supporto fornito sul tutto il territorio nazionale dalle oltre 1.400 unità tra Medici e Infermieri della Sanità Militare e da team appartenenti a tutte le Forze Armate, consentirà di eseguire fino a 30.000 tamponi al giorno.
Nello specifico, nella città di Verona, permetterà l’implementazione delle due postazioni per lo screening drive-in e delle postazioni fisse già esistenti, con l’obiettivo di incrementare le capacità di effettuazione dei test di screening e dei tamponi da parte del personale medico e infermieristico del servizio sanitario veronese e del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana - Comitato di Verona.
A coadiuvare le operazioni di afflusso e deflusso delle zone pedonali e delle corsie su cui accedere in auto, saranno gli uomini e le donne del Reparto Comando del Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto (COMFOTER di Supporto).
La struttura allestita in Fiera, si unisce a quella che tra martedì e mercoledì sarà attivata anche nel comune di Roncà e agli altri 13 Drive Through dislocati nelle provincie di Rovigo, Vicenza, Padova, Treviso, Venezia e Belluno in cui l’Esercito opererà al fianco delle istituzioni, delle autorità sanitarie locali e della Protezione Civile.
Come già avvenuto per il punto tamponi della Caserma Pianell, anche in questa occasione la forte sinergia tra l’Ulss 9, le Istituzioni cittadine e l’Esercito Italiano, fornisce risposte concrete ad un’emergenza sanitaria che ha colpito le abitudini e gli stili di vita delle famiglie di un’intera nazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento