Mercoledì, 16 Giugno 2021
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Verona il capoluogo più attenzionato, Sboarina: «Fase ancora molto critica»

Il sindaco di Verona chiede ai suoi concittadini di non mollare. «C'è ancora tanto lavoro da fare, sforzi e sacrifici che ognuno di noi deve portare avanti»

Foto di repertorio

«Siamo in una fase ancora molto critica, non si tratta di fare allarmismo ma di essere realisti», parole del sindaco di Verona Federico Sboarina alla luce dei dati resi noti ieri, 9 aprile, sulla diffusione del coronavirus nel Veronese. In verità, le considerazioni del primo cittadino scaligero scaturiscono dalla lettura dei numeri raccolti in più giornate. «E l'indicazione è quella di non mollare adesso - ha aggiunto Sboarina - Eravamo e siamo il capoluogo più attenzionato. C'è ancora tanto lavoro da fare, sforzi e sacrifici che ognuno di noi deve portare avanti. Ecco perché continuerò a ripeterlo in questi giorni, si avvicinano Pasqua e Pasquetta, rimaniamo a casa».

Di sicuro le festività di questo 2020 non ce le dimenticheremo e le difficoltà di questi giorni sono aumentate dal bel tempo, il quale secondo le previsioni dovrebbe proseguire anche nelle giornate di domenica 12 e lunedì 13 aprile. L'ideale per delle passeggiate all'aria aperta o per una gita fuori porta. Ipotesi che purtroppo bisogna scartare. E per resistere, Sboarina ha chiesto di prendere esempio dai giovani, i quali hanno risposto in modo positivo alle restrizioni, rispettandole perché coscienti della dimensione del problema. «Se ne vedono pochissimi in giro e, fin da subito, hanno adottato i comportamenti più corretti e ascoltato gli appelli delle autorità, forse anche supportati dall'uso della tecnologia che per loro nativi digitali è scontato. Il buon esempio oggi ci viene proprio da loro».

Nel frattempo, ieri è stata completata la consegna della prima tranche di buoni spesa ai primi 50 beneficiari risultati aventi diritto. Gli agenti della polizia locale in motocicletta hanno recapitato i buoni a domicilio. I tagliandi hanno un valore di 20 euro ciascuno e sono tutti dotati di codice QR anti riciclaggio.
Sono migliaia le richieste arrivate fino ad ora tramite i canali attivati dal Comune: due numeri verdi (800085570 buoni spesa; 800644494 coronivirus) e il centralino della protezione civile (045 8052113). E la modalità migliore resta quella della mail, all’indirizzo sportelloinfosociale@comune.verona.it.

Ma la polizia locale di Verona, insieme alle altre forze dell'ordine, è impegnata anche nel controllo del territorio, per monitorare il rispetto delle norme in vigore che limitano gli spostamenti. Mercoledì scorso, 8 aprile, dagli agenti della polizia locale sono state controllate 396 persone, delle quali 5 sanzionate. Mentre sono stati 229 gli esercizi commerciali ispezionati e nessuna violazione è stata riscontrata.
Pronti anche i controlli per Pasqua e Pasquetta. Saranno monitorate tutte le principali vie d’accesso di Verona, così come le zone tipicamente frequentate per le scampagnate: Torricelle, Avesa, Quinzano e frazioni, anche grazie all'utilizzo di un elicottero dei carabinieri. E poi le colline, il lago di Garda e la Lessinia, con pattuglie e un velivolo della protezione civile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona il capoluogo più attenzionato, Sboarina: «Fase ancora molto critica»

VeronaSera è in caricamento