rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Attualità Torri del Benaco / Via Gardesana

Approvato l'accordo di programma per il tratto a Torri del Benaco della spettacolare "Ciclovia del Garda"

Nella singola provincia di Verona il percorso dedicato agli appassionati della bicicletta sarà lungo circa 69 chilometri, attraversando Peschiera del Garda, Castelnuovo del Garda, Lazise, Bardolino, Garda, Torri del Benaco, Brenzone e Malcesine

Regione del Veneto, Comune di Torri del Benaco, Veneto Strade SpA e la Società Gardesana Servizi sottoscriveranno un accordo per il coordinamento delle attività necessarie alla progettazione del tratto di ciclovia del Garda che ricade nel territorio del Comune gardesano firmatario. Nella provincia di Verona il percorso dedicato agli appassionati della bicicletta sarà lungo circa 69 chilometri, sui 140 complessivi. Attraverserà i territori di Peschiera del Garda, Castelnuovo del Garda, Lazise, Bardolino, Garda, Torri del Benaco, Brenzone, Malcesine ed andrà ad interconnettersi anche con il tracciato della futura ciclovia del Sole.

Come stabilito dall’atto approvato dalla Giunta regionale, l’amministrazione di Torri del Benaco «cofinanzierà con 700.000 euro la progettazione definitiva ed esecutiva dei due lotti funzionali che costituiscono l’opera all’interno dell’area comunale». La vicepresidente e assessore ai Trasporti ed Infrastrutture della Regione Veneto Elisa De Berti ha commentato: «Visto il grande valore aggiunto che la ciclovia del Garda porterà alla valorizzazione del territorio come destinazione turistica, il Comune di Torri del Benaco ha espresso la volontà di compartecipare alle spese di progettazione con una somma consistente. Ringrazio l’amministrazione comunale per la lungimiranza dimostrata. Questo oltretutto - ha concluso l'Ass. Elisa De Berti - ci permetterà di rispettare ampiamente le scadenze stabilite dal PNRR per la realizzazione degli interventi».

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, nell'ambito degli obiettivi di "Rivoluzione verde e transizione ecologica", prevede di assegnare 400 milioni di euro per la rete nazionale delle ciclovie. Nello specifico, il decreto di riparto di tali risorse, in corso di emanazione da parte del MIMS, riserva circa 30 milioni di euro alla “ciclovia del Garda” da suddividere tra Provincia Autonoma di Trento e le Regioni Lombardia e Veneto. Il decreto stabilisce, però precise scadenze, pena la revoca del finanziamento concesso. In particolare, entro il 31 dicembre 2022 dovrà essere conclusa la progettazione dei lotti funzionali ed entro il 30 giugno 2026 dovranno essere completati i lavori. Secondo l’accordo di programma, il Comune di Torri del Benaco trasferirà a Veneto Strade le risorse per eseguire la progettazione ed approvazione sotto il profilo tecnico dei due lotti funzionali ciclopedonali. L’Azienda Gardesana Servizi, invece, collaborerà e supporterà Veneto Strade nella definizione degli interventi infrastrutturali, al fine di renderli compatibili con le opere in programma del nuovo collettore fognario.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Approvato l'accordo di programma per il tratto a Torri del Benaco della spettacolare "Ciclovia del Garda"

VeronaSera è in caricamento