Domenica, 26 Settembre 2021

Nottata di maltempo con grossi chicchi di grandine, vento forte e pioggia

Un centinaio gli interventi dei vigili del fuoco, soprattutto per il taglio e la rimozione di piante e la rimozione di parti di edifici pericolanti. Mozzecane, Villafranca, Verona e San Martino Buon Albergo, i territorio più colpiti

È stata una notte di intenso lavoro per i vigili del fuoco di Verona a causa del maltempo che si è abbattuto ieri, 8 luglio, a Verona e in parte della provincia. Un temporale con grandine, pioggia e vento ha attraversato il territorio scaligero, generando piccoli danneggiamenti, qualche allagamento di lieve entità ed abbattendo alberi e segnaletica stradale.

Dal tardo pomeriggio di ieri sono state migliaia le chiamate di soccorso arrivate alla sala operativa dei pompieri che per fronteggiare la mole di lavoro è stata prontamente rinforzata, come tutto il dispositivo di soccorso, mediante il richiamo di personale non di turno.
Durante la notte hanno operato 10 squadre di vigili del fuoco con 18 mezzi e 72 pompieri. L'imponente schieramento di forze ha consentito di portare a termine 81 interventi in circa 12 ore. E alla fine dell'emergenza saranno un centinaio gli interventi complessivi.
I comuni interessati dal maggior numero di interventi sono stati Mozzecane, Villafranca, Verona e San Martino Buon Albergo. E la maggior parte di questi interventi sono stati il taglio e la rimozione di piante e la rimozione di parti di edifici pericolanti.

A Verona, le conseguenze delle piogge torrenziali e delle raffiche di vento anche a 100 chilometri orari sono state affrontate anche dai tecnici di Amia e dagli agenti della polizia locale.
Nel capoluogo scaligero ci sono stati allagamenti in varie zone, tetti scoperchiati, cartelli stradali divelti e numerosi sono gli alberi pericolanti e le piante cadute. Una squadra composta da una trentina di addetti Amia è stata operativa dalle 20 di ieri sera, ininterrottamente tutta la notte, provvedendo a spazzare da strade e marciapiedi le centinaia di metri cubi di fogliame cadute durante il nubifragio con le spazzatrici meccaniche. Sempre nelle ore notturne sono state ripulite le caditoie intasate che presentavano maggiori problemi, sono stati rimossi numerosi alberi di grosse dimensioni dalle principali arterie cittadine e tramite due autospurghi sono stati aspirati ingenti accumuli di acqua in numerose strade, segnalate dalla polizia locale, consentendo la riattivazione della normale circolazione veicolare.
«Ringrazio i nostri addetti che hanno lavorato fin da subito in un contesto logistico assolutamente non facile e con grandi difficoltà operative legate al buio, all’acqua alta e alla presenza di numerosi alberi divelti che hanno reso complesse tutte le operazioni che, sottolineo si protrarranno anche al di fuori del normale orario di lavoro - hanno commentato il presidente di Amia Bruno Tacchella ed il vicepresidente Alberto Padovani - Oltre a questi interventi urgenti e straordinari, siamo riusciti a garantire anche le normali attività di raccolta dei rifiuti, fatto salvo per alcuni servizi dove il personale, vista la situazione critica, è stato dirottato per gli interventi più urgenti su vari fronti».

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Nottata di maltempo con grossi chicchi di grandine, vento forte e pioggia

VeronaSera è in caricamento