menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Paola Bressan consigliera comunale a Verona - foto profilo Facebook

Paola Bressan consigliera comunale a Verona - foto profilo Facebook

Scuole, l'obiettivo a Verona: «Tutte aperte». Didattica a distanza: «Favorisce disagio»

«La "Didattica a distanza" si è rivelata insufficiente o addirittura carente a soddisfare i legittimi diritti e le necessità degli studenti», dichiara la consigliera comunale Bressan

«A settembre scuole aperte di ogni ordine e grado, questo l'obiettivo che si vuole raggiungere con il primo incontro operativo si terrà martedì 30 giugno tra il Sindaco e altri enti cittadini competenti per la gestione della scuola». Lo afferma in una nota la consigliera comunale Paola Bressan, dopo che nelle scorse ore in merito alla riapertura delle scuole sono state ufficializzate e divulgate le linee guida ministeriali (peraltro passibili di ulteriori modifiche in base all'evoluzione del quadro epidemiologico).

Si tratta, spiega sempre la consigliea Paola Bressan, di un «obiettivo condiviso dal Sindaco Federico Sboarina e dall'Assessore all'Istruzione Stefano Bertacco, con il quale ultimo già ad aprile condivisi la mozione a mia firma e della consigliera Adami perchè venisse data ai Comuni la possibilità di riaprire le scuole dell'infanzia nel rispetto delle regole sanitarie previste». La consigliera Bressan poi aggiunge: «Con la stessa mozione, approvata nel Consiglio comunale del 25 Giugno, chiedo al Governo e alla Provincia che venga data la possibilità ai Comuni di riaprire a settembre  le scuole di ogni ordine e grado, di prorogare fino alla riapertura delle scuole il cosiddetto "bonus bebè" a tutti i figli fino ai 14 anni, di prorogare il cosiddetto "bonus baby sitting" e di prorogare il congedo parentale straordinario».

In merito Bressan specifica: «Si tratta di una esigenza sentita dai ragazzi e dai genitori poichè la "Didattica a distanza" si è rivelata insufficiente o addirittura carente a soddisfare i legittimi diritti e le necessità degli studenti di avere un contatto diretto sia con i compagni di classe sia con gli insegnanti da cui poter attingere più efficacemente il sapere». Conferme in tal senso arrivano anche dalla consigliera comunale Maria Fiore Adami che aggiunge: «Alla pandemia sanitaria è seguita una pandemia emozionale. L'isolamento nelle mura domestiche e la "Didattica a distanza", pur rappresentando uno strumento utile, indispensabile per mantenere vivo il rapporto didattico e relazionale, può diventare un limite che porta all'isolamento e all'abbassamento dell'autostima favorendo realtà di disagio. L'obiettivo come amministrazione, - conclude la consigliera Adami - è investire sul futuro dei ragazzi che non può prescindere dalla formazione e da tutte quelle abilità che si posso sviluppare solo attraverso una didattica in presenza e con i rapporti di socializzazione con il corpo docente ed il gruppo dei pari».

Maria Fiore Adami consigliera comunale Verona 2020

Maria Fiore Adami consigliera comunale a Verona
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento