Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Borgo Nuovo / Via Luigi Galvani

Livorno, la Procura pensa di appellarsi contro l'assoluzione dei quattro tifosi dell'Hellas

La sentenza di assoluzione emessa venerdì sembrava poter mettere la parola fine alla vicenda ma il procuratore vuole leggere le motivazioni del tribunale prima alzare bandiera bianca

Con la sentenza emessa venerdì dal giudice del tribunale di Livorno, sembrava essersi conclusa la vicenda dei quattro tifosi dell'Hellas Verona incriminati per aver fatto il saluto fascista allo stadio Picchi. Ma la procura che ha formulato le accuse, attende di leggere le motivazioni che hanno portato all'assoluzione per decidere se presentare o meno appello. 
A riferirlo è il procuratore Francesco De Leo, come riporta il quotidiano L'Arena, che si occupa del caso scoppiato nel 2011 prima della partita tra Livorno e Hellas. Una partita considerata a rischio, a causa della posizioni politiche opposte delle due tifoserie. Nel caso in questione tre supporter vennero ripresi dalle telecamere della Digos mentre facevano il saluto romano durante l’ingresso allo stadio, mentre il quarto si fece trovare con il braccio destro alzato nei pressi del cordone di carabinieri che divideva le due fazioni e venne immortalato nella posa da una fotografa de Il Tirreno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Livorno, la Procura pensa di appellarsi contro l'assoluzione dei quattro tifosi dell'Hellas

VeronaSera è in caricamento