Cronaca Chievo / Via Turbina

Truffe dei finti tecnici: ora i ladri si spacciano per operatori di Acque Veronesi

Il 19 agosto, un'anziana ha fatto entrare in casa un finto operatore che sosteneva che l'acqua fosse inquinata. Acque Veronesi rinnova l'invito a non aprire la porta agli sconosciuti

"Mai aprire agli sconosciuti e chiamare immediatamente le Forze dell’Ordine". Questo l’invito lanciato da Acque Veronesi alla luce dell’ennesimo episodio di truffa da parte di finti tecnici della società ai danni di cittadini veronesi. Nella giornata di mercoledì 19, un malvivente si è recato presso l’abitazione di una signora, residente in via Turbina a Verona, informandola che l’acqua era contaminata e che era necessario effettuare delle verifiche. Il finto operatore è quindi entrato nell’abitazione con la scusa di aprire tutti i rubinetti. Ovviamente, la notizia dell’inquinamento era falsa e l’obiettivo del truffatore era quello di raggirare l’utente. Purtroppo, soprattutto nel periodo estivo, raggiri di questo tipo sono sempre più frequenti.

Proprio per questo, la Questura di Verona ha recentemente rinnovato l’invito a tutti gli utenti di Verona e provincia (soprattutto alle persone non più giovanissime e per questo più esposte a tentativi di truffa) a non abbassare la guardia. Il consiglio è quello di sempre: mai consentire ad uno sconosciuto di entrare nella propria abitazione e chiedere sempre un documento o un tesserino di riconoscimento. Ma soprattutto, al primo dubbio, chiamare immediatamente e senza indugio il 112 o il 113. Anche Acque Veronesi ricorda che i suoi operatori sono sempre muniti di un cartellino identificativo e che per qualsiasi intervento non richiedono mai contanti sul posto agli utenti. L'invito, prima di far entrare estranei in casa, è quello di contattare l’azienda al numero verde guasti 800734300 (attivo 24 ore su 24), per avere conferma di un eventuale intervento programmato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe dei finti tecnici: ora i ladri si spacciano per operatori di Acque Veronesi

VeronaSera è in caricamento