Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Borgo Venezia / Via Arrigo Boito

Stop agli allagamenti in via Boito, grazie ad un intervento da 30mila euro

Il problema della scarsa ricettività delle acque meteoriche verrà risolto da Acque Veronesi con il posizionamento di 3 pozzi perdenti profondi 11 metri ed il loro collegamento alla rete già esistente

Le piogge torrenziali degli ultimi anni hanno creato non pochi problemi ai residenti di via Boito a Verona. Si sono verificati infatti, numerosi episodi di allagamenti negli scantinati della via a causa della scarsa recettività delle acque meteoriche della rete stradale. I lavori, iniziati qualche giorno fa dopo un’accurata ispezione geologica del terreno, verranno realizzati da Acque Veronesi, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e la 6^ Circoscrizione. La società di Lungadige Galtarossa gestirà la progettazione e l’esecuzione delle opere necessarie a risolvere definitivamente l’annoso problema. L’opera prevede il posizionamento di 3 pozzi perdenti profondi 11 metri ed il loro collegamento alla rete meteorica già esistente.
Attualmente via Boito è servita da una serie di sistemi di drenaggio insufficienti, anche a causa della scarsa permeabilità del primo strato di terreno. Per tale motivo si è reso necessario scavare fino a 11 metri sotto il piano stradale per raggiungere uno stato di buona permeabilità che consentirà un deflusso ottimale delle acque meteoriche. L’intervento è stato interamente finanziato dal Comune di Verona (la gestione delle acque meteoriche è infatti di competenza dell’amministrazione comunale) e avrà un costo di circa 30 mila euro. I lavori termineranno entro la fine del mese di febbraio.
Il presidente di Acque Veronesi, Niko Cordioli, ha commentato: “Si tratta di un ottimo esempio di sinergia tra amministrazione comunale ed ente gestore. Siamo felici di essere venuti incontro alle esigenze dei residenti di via Boito”. Nei giorni scorsi, insieme al presidente della società consortile, si sono recati in sopraluogo presso il cantiere, Mauro Spada, presidente della sesta circoscrizione e Marco Zandomeneghi, coordinatore della commissione Urbanistica della stessa circoscrizione. “I residenti avevano fatto una raccolta di firme per chiedere di risolvere il problema – ha sottolineato Spada – Ringrazio Acque Veronesi ed il Comune di Verona per il tempestivo interessamento”.

IMG_9548-2

Da sinistra, Zandomeneghi, Spada e Cordioli.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop agli allagamenti in via Boito, grazie ad un intervento da 30mila euro

VeronaSera è in caricamento