Rissa in piazza Erbe a Verona: la polizia identifica tutti e denuncia sei giovani

Dopo la zuffa in centro nella notte del 5 settembre erano iniziati a circolare video sui social da cui sono iniziate le indagini da parte della polizia che ha denunciato sei ragazzi

Polizia di Stato in piazza Erbe a Verona

Nella notte dello scorso 5 settembre nella centralissima piazza Erbe a Verona si era verificata una rissa tra alcuni giovani. L'episodio aveva visto coinvolti, loro malgrado, anche alcuni poliziotti e dei militari di presidio che avevano cercato di fare da pacieri. Il tutto era inoltre stato filmato dai numerosi presenti in piazza ed i video avevano poi iniziato a circolare su tutti i principali social network divenendo in rapido tempo virali. Nelle ore successive era intervenuto anche il sindaco di Verona Federico Sboarina, stigmatizzando l'episodio e annunciando che nuove telecamere sarebbero state posizionate nella piazza per evitare il ripetersi di simili situazioni.

Secondo quanto indicato dalla questura di Verona in una nota di oggi, proprio la pubblicazione del video della rissa sui social network è stata la prima traccia utile per gli investigatori. Il gruppo di ragazzini che, sabato notte, in piazza Erbe, dopo gli insulti verbali è passato alle mani, sarebbe infatti stato identificato dagli agenti della polizia di Stato che, in prima battuta, erano intervenuti proprio quella sera, su richiesta dei militari in pattuglia presenti durante la zuffa. L’attività svolta sul posto dagli operatori delle Volanti che hanno identificato i presenti, è stata quindi portata avanti dai poliziotti della Squadra Mobile che, mettendo a confronto le dichiarazioni raccolte ed analizzando i filmati, sarebbero infine riusciti, nel giro di pochi giorni, ad individuare i ragazzi coinvolti nella rissa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’attività investigativa condotta, spiega la nota della questura scaligera, avrebbe trovato riscontro anche in un altro intervento degli agenti in pattuglia effettuato sempre la notte della rissa, intorno alle 5.35 del mattino, in un’abitazione del centro città, a seguito della segnalazione di una lite tra giovani fidanzati. Secondo quanto rivelato dalla questura di Verona, il poliziotto intervenuto in quella circostanza, una volta visionate le immagini della zuffa, avrebbe infatti riconosciuto i due fidanzatini, l’uno di 21 e l’altra di 15 anni, entrambi presenti in piazza Erbe quella notte. La perfetta coordinazione tra l’attività di indagine e l’attività di controllo del territorio avrebbe dunque consentito di identificare tutti i ragazzi che, giovedì scorso, hanno creato scompiglio in centroa Verona. La questura, infine, rivela che nello specifico gli agenti della Squadra Mobile hanno provveduto a denunciare per rissa 6 dei giovani presenti in piazza Erbe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Tamponi a studenti e personale scolastico: ecco l'app per le prenotazioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento