Cronaca Centro storico / Piazza Bra

Città presa d'assalto per il ponte e traffico in tilt nella zona del basso lago

Tantissimi visitatori hanno letteralmente preso d'assalto il centro storico di Verona durante queste giornate di festa. Ma i disagi peggiori dal punto di vista della viabilità si sono registrati in prossimità dei Parchi turistici del Lago di Garda

Sono giorni di passione in città a Verona che per il ponte di Ognissanti e in virtù anche delle giornate soleggiate, è stata letteralmente presa d'assalto sin da domenica 30 ottobre. Le vie del centro storico sono invase di turisti, da Piazza Bra a via Mazzini, via Cappello e Piazza delle Erbe. Alberghi affollati e sopratutto parcheggi esauriti a partire da metà mattina, in particolare quelli della Stazione, dell'Arena, di piazza Isolo o piazza Cittadella.

Insomma, ancora una volta Verona si conferma meta molto gradita in occasione delle festività, complici anche le notevoli mostre attualmente visibili in Gran Guardia  e all'AMO dedicate a alla Civiltà Maya e a Picasso, le quali svolgono sicuramente un ruolo di grande attrattiva.

Ma la giornata di ieri verrà sicuramente ricordata per le lunghissime code registrate sulla A4 e in prossimità dei vari Parchi turistici presenti nella zona del basso Lago di Garda, il Parco dei divertimenti di Gardaland su tutti. Oltre all'uscita autostradale di Sommacampagna intasata, grandissimi disagi molte persone li hanno vissuti proprio nel recarsi al Gardaland Halloween Party.

Non solo i tanti visitatori sono dovuti restare a lungo bloccati in auto, per qualcuno si è trattato di sopportare code di diverse ore, ma anche una volta giunti all'interno del Parco le cose non sembrano essere andate meglio: "Soldi buttati una miriade di gente - racconta Roberto - tempo minimo di attesa per i giochi 80 minuti". Anche Chiara reduce dalla giornata di ieri si esprime sulla stessa lunghezza d'onda: "Più di 150 minuti di attesa per Oblivion, 140 per Mammut, 120 per Raptor. Oggi Gardaland, dopo 20 anni mi ha davvero delusa!". Insomma una giornata storta che ha lasciato qualche strascico, anche perché lo scorso anno, ricordano i residenti del posto, le cose andarono in modo molto simile.

PROVVEDIMENTI VIABILISTICI A VERONA - Tornando in città, quest'oggi in occasione delle celebrazioni di Tutti i Santi e dei Defunti alle ore 15.30 presso il Cimitero monumentale si terrà la Liturgia per i Defunti con il Vescovo monsignor Giuseppe Zenti. Dalle 10, nella chiesa del Cimitero Monumentale è stata celebrata la Santa Messa, mentre tutti i cimiteri cittadini, sia quello Monumentale che quelli periferici, resteranno aperti dalle ore 8 alle 17.30 con orario continuato. Per consentire l’afflusso delle numerose persone che si recheranno al Cimitero Monumentale ed evitare intralci alla circolazione fino a mercoledì 2 novembre sono stati istituiti i seguenti provvedimenti viabilistici:

  • in via Campo Marzo, nelle zone di parcheggio situate nelle rientranze ubicate ai lati dell’ingresso secondario del cimitero, dalle ore 8 alle 20 la sosta sarà limitata a 60 minuti, con obbligo di esposizione del disco orario;
  • sempre in via Campo Marzo sarà vietato il transito ai veicoli con massa a pieno carico superiore a 5,5 tonnellate;
  • in via Dal Vino, su ambo i lati, dalle 8 alle 20 verrà istituito il divieto di sosta; nel piazzale del Cimitero, lungo la diramazione a nord dell’entrata principale del Cimitero, lato destro in direzione via Torbido, verrà istituito un parcheggio per la sosta di massimo tre taxi.
  • Mercoledì 2 novembre, dalla mezzanotte alle ore 12, saranno vietate la circolazione e la sosta dei veicoli sul piazzale antistante l’ingresso secondario del Cimitero in via Campo Marzo.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città presa d'assalto per il ponte e traffico in tilt nella zona del basso lago

VeronaSera è in caricamento