Maxifrode nella vendita di prodotti petroliferi, evasi 95 milioni di euro: perquisizioni a Verona

Le operazioni della Guardia di Finanza di Padova sono scattate mercoledì: 4 i provvedimenti di custodia cautelare eseguiti nei confronti di altrettante persone

Immagine generica

Più di 100 militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Padova e di altri reparti del Guardia di Finanza, su disposizione della Procura della Repubblica patavina, nella mattinata di mercoledì hanno dato il via ad una serie di perquisizioni nelle province di Padova, Milano, Lodi, Verona, Roma, Terni, Napoli e Caserta, oltre a notificare il provvedimento di custodia cautelare nei confronti di 4 persone, ritenute a capo di una associazione per delinquere dedita alle frodi fiscali nel campo della commercializzazione di carburante per autotrazione, con ordine di sequestro preventivo per 95 milioni di euro, pari all’IVA evasa su oltre 433 milioni incassati. Sono state sequestrate anche decine di autobotti cariche di carburante.

Secondo quanto riportato dalla guardia di finanza di Padova, nel mirino delle Fiamme Gialle sarebbero finiti in particolare due imprenditori padovani che risulterebbero operanti nel Veronese, oltre a due soggetti attivi invece nell'hinterland di Napoli e altre dodici persone coinvolte, a vario titolo, nella presunta frode. Stando alla ricostruzione dei fatti svolta dai finanzieri, attraverso la gestione di 13 imprese "filtro" e "cartiere" sparse in Italia ed altri vari Stati dell'Unione Europea, formalmente intestate a dei "prestanome", l'organizzazione avrebbe nel complesso venduto a un centinario di clienti nazionali, ben 410 milioni di litri di carburante in frode all'Iva. 

In riferimento a ciò, il Gip del Tribunale di Padova avrebbe quindi emesso un provvedimento di sequestro di beni mobili e immobili fino a 95.448.973,96 euro. L'ipotesi avanzata dalla guardia di finanza è che, sfruttando l'apporto dei due soggetti padovani titolari di un deposito a Cologna Veneta, il carburante proveniente dalla Slovenia sarebbe poi stato venduto, attraverso diversi altri «passaggi cartolari di fatture soggettivamente inesistenti», a centinaia di clienti (depositi commerciali e pompe di benzina), situati in varie regioni d'Italia, dalla Lombardia e Veneto all'Abruzzo e la Campania.

In base a quanto riferito dalle Fiamme Gialle di Padova, nel corso della mattinata di oggi si sono svolte anche diverse operazioni di sequestro preventivo di decine di autobotti cariche di carburante, oltre che di un deposito di prodotti petroliferi in provincia di Verona. Sotto sequestro sono quindi finiti anche beni immobili e disponibilità su rapporti bancari fino a circa 95 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento