Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Peschiera del Garda / Piazzale Cesare Betteloni

Ex capitano dei carabinieri di Peschiera accusato di corruzione: revocate misure restrittive

Mario Marino e gli altri indagati dalla Procura di Modena si sono visti revocare le misure restrittive imposte i primi di ottobre: nuovi sviluppi nell'operazione "Intoccabili"

Dai primi di ottobre del 2015, l'ex capitano della Compagnia dei Carabinieri di Peschiera del Garda, Mario Marino, era stato sottoposto a misure restrittive da parte del tribunale di Modena, all'interno dell'operazione "Intoccabili" che vede l'ex militare accusato di corruzione per atti contrari a doveri d’ufficio e corruzione per atti d’ufficio in concorso. All'epoca dei fatti incriminati, l'ex ufficiale ricopriva il ruolo di Comandante del Nucleo Operativo di Modena.

Come si legge su L'Arena, per difetto di esigenza, a inizio novembre, sono state revocate le misure restrittive per lui e per gli altri indagati. A Marino era stato imposto l'obbligo di firma presso la caserma di Verona ogni lunedì, mercoledì e venerdì alle ore 20. Inoltre, doveva comunicare orari e luoghi di reperibilità per i controlli e non poteva uscire dalla sua abitazione veronese dalle 21 di sera alle 7 di mattina-

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex capitano dei carabinieri di Peschiera accusato di corruzione: revocate misure restrittive

VeronaSera è in caricamento