Filobus pronto fra tre anni, ma adesso mancano i mezzi. Cercasi azienda fornitrice

Voci parlano dell'interessamento di un'azienda svizzera già fornitrice per il filobus di Zurigo, ma altre ipotesi sono al vaglio di Comune e Amt. L'inizio dei lavori potrebbe avvenire entro giugno e il termine nel 2018

La strada per la realizzazione della nuova rete di filobus nella nostra città sembra ancora lunga. Tra gli ostacoli presenti e passati, Amt e amministrazione comunale hanno previsto che l’opera sarà ultimata nell’arco di tre anni.
Lo scorso marzo era uscita di scena un’impresa dalla cordata di aziende che dovranno costruire e far circolare il filobus. Era stata infatti messa in liquidazione la Cdc, corsorziata drl Consorzio cooperative costruttori, capofila dell'intero gruppo. In Comune avevano però assicurato che ciò non comporterà rallentamenti all'iter del cantiere, già cominciato davanti alla stazione ferroviaria di Porta Nuova e alla Genovesa, dove sarà costruito il deposito dei mezzi. Alla Cdc è già infatti subentrata la Clea di Venezia. Ora, come riporta L'Arena, un nuovo cambio di rotta. L'azienda polacca Solaris Bus&Coach ha infatti comunicato la propria indisponibilità, per “motivi tecnici”, a partecipare alla fornitura di mezzi per la nostra città. Voci parlano ora dell’interessamento della Carrosserie Hess, un’azienda svizzera, già fornitrice dei mezzi del filobus di Zurigo, che fabbrica quelle che nell'ambiente dei trasporti vengono definite le “Ferrari del filobus”, totalmente alimentati a batterie anche nei tratti in cui non sono previste le cosiddette bretelle.
Per quanto riguarda la fornitura dei 37 mezzi della filovia quindi, dopo il fallimento dell'Apts, il Comune e l'Amt avevano esaminato modelli prodotti dalla tedesca Vossloh Kiepe, di Düsseldorf. Ma sono sotto esame anche quelli della Vdl di Eindhoven. Sia la Cdc che l'Apts facevano parte della cordata formata appunta dal Consorzio cooperative costruttori, da Soveco e Mazzi come costruttori e poi da Alpiq Intec, Balfour Beatty Rail spa, Vossloh Kiepe, Vdl, Technital e Girpa per la parte progettuale.E.S.
Entro giugno l'Amt, stazione appaltante dell'intera opera, potrebbe consegnare i lavori all'associazione di imprese incaricata del cantiere, ma intanto stanno proseguendo i carotaggi e le operazioni di analisi geologiche nella zona del capolinea a San Michele e alla Genovesa dove sarà costruito il deposito dei mezzi.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 16 al 18 agosto 2019

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

Torna su
VeronaSera è in caricamento