Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Centro storico / Piazza Bra

Filobus, il ribasso d'asta potrà essere speso per le varianti al progetto

L'autorizzazione è arrivata grazie ad una delibera del Cipe, comunicata dalla deputata Alessia Rotta e dal consigliere comunale Stefano Vallani. "Ora il Comune non ha più alibi"

Il Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) ha deliberato ieri, 26 aprile, a favore dell'utilizzo dei ribassi di gara per la realizzazione del filobus. Si tratta di circa 12 milioni di euro, di cui 7 di competenza statale, che il Comune di Verona potrà spendere per realizzare le varianti del progetto.

La notizia è stata comunicata dalla deputata veronese Alessia Rotta e dal consigliere comunale Stefano Vallani, entrambi del PD. 

A Verona, per ben dieci anni, il governo del fare di centrodestra non è stato in grado di dare alla città una mobilità pubblica più moderna ed efficiente - hanno dichiarato - Una cattiva gestione che ha prodotto solo ritardi e disservizi. Per risolvere lo stallo sul filobus è intervenuto il governo del PD, che ha riconosciuto la necessità per Verona di dotarsi di un sistema di trasporto pubblico di tipo ferro tranviario e il diritto dei cittadini di beneficiarne. Ora, con la delibera del Cipe, il centrodestra che governa Palazzo Barbieri non ha più alibi: si dia da fare per dare finalmente alla città un servizio di trasporto pubblico degno di questo nome e della nostra città.

E il consigliere Vallani ha aggiunto: "L'opera rischia di partire monca delle strutture di parcheggio scambiatore necessarie alla funzione del mezzo stesso. È necessario quindi che ad ovest e ad est si pensi seriamente a finanziare gli interventi. Si tratta di elementi senza i quali il filobus non potrà entrare in servizio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Filobus, il ribasso d'asta potrà essere speso per le varianti al progetto

VeronaSera è in caricamento