Fondazione Cariverona, per il 2018 saranno erogati 40 milioni di euro

Per le aree socio-sanitaria e welfare sono previsti circa 15 milioni di euro, per l'area formazione e ricerca 8 milioni e mezzo e per la promozione della cultura oltre 6 milioni e mezzo

Ieri, 30 ottobre, si è riunito il consiglio generale di Cariverona, alla presenza del presidente Alessandro Mazzucco. In quell'occasione è stato approvato all'unanimità il documento di programmazione annuale per il 2018.

Il documento conferma che verrà garantito l'obiettivo annuale di 40 milioni di euro per le attività di erogazione del 2018, come previsto dagli obiettivi triennali 2017/2019. Inoltre si registra un attivo finanziario in crescita di circa il 10% nel 2017.

Sentiamo forte l'obbligo di evitare la dispersione delle risorse su una molteplicità di piccoli progetti - ha sottolineato il professor Mazzucco - E ciò è particolarmente percepibile all’interno del tema welfare, per il quale è necessario proporre formule innovative. Analoga riflessione può essere estesa a tutti gli altri ambiti nei quali si articola il nostro piano di intervento: oltre al sociale, la salute, l’arte e la cultura, la ricerca scientifica. Nell’ottica di un’ottimizzazione delle risorse, vogliamo operare secondo una logica che premi e valorizzi la qualità dei progetti, la collaborazione fra i soggetti proponenti, l’innovazione dei contenuti e dei processi. Puntiamo ad attivare strumenti che superino la logica distributiva e consentano di capire quali progetti e quali linee innovative sono interessanti e meritano quindi di essere sostenuti, in linea con le prassi migliori in tema di no profit e di sviluppo del territorio e con le migliori fondazioni no profit impegnate nella ricerca e nell’innovazione.

Per le aree socio-sanitaria e welfare sono previsti circa 15 milioni di euro, per le aree formazione e ricerca 8 milioni e mezzo, arte e promozione della cultura oltre 6 milioni e mezzo mentre il fondo per le iniziative dirette sarà di quasi 9 milioni e mezzo.

Uno degli elementi caratterizzati il documento programmatico 2018 è l'avvio di programmi dalla forte connotazione intersettoriale, il più rilevante dei quali risulta essere il Bando Azioni di Sistema per la Valorizzazione dei Territori, con il quale verrà promossa una competition finalizzata a selezionare progettualità di sistema nelle province di riferimento (Verona, Vicenza, Belluno, Ancona e Mantova) che siano indirizzate a creare identità, coinvolgimento, sviluppo, accessibilità e fruizione.

La Fondazione nel 2018 mantiene l’adesione al Fondo per il contrasto della povertà minorile e riconferma il Programma Carcere, promuovendo azioni di rete a favore di detenuti, ex detenuti e persone in misura alternativa della pena. Così come si prosegue nel Progetto di cooperazione internazionale "Prima le mamme e i bambini: 1000 di questi giorni", in partenariato con altre fondazioni di origine bancaria.

Nell'ambito della formazione si confermano il Progetto La Tua Idea di Impresa, in partenariato con Confindustria con l’obiettivo di promuovere la cultura di impresa negli istituti secondari di secondo grado; e il Progetto Up-Grade, promosso in collaborazione con il Gruppo Pleiadi, finalizzato alla promozione di percorsi di educazione economico-finanziaria e di imprenditorialità per gli studenti delle scuole primarie e secondarie dei territori di riferimento. Per quanto riguarda la ricerca scientifica viene confermato l’impegno a favorire i percorsi di crescita e formazione dopo la laurea, attraverso il potenziamento delle attività di ricerca delle università di Verona e la politecnica delle Marche.

La Fondazione conferma il sostegno all’attività culturale delle principali Fondazioni lirico-teatrali dei territori di riferimento, sollecitando le stesse all’approfondimento e allo sviluppo di azioni di coinvolgimento, ampliamento e fidelizzazione del proprio pubblico. Verranno inoltre sostenuti nei territori di riferimento alcune iniziative culturali di particolare rilevanza ed impatto e proseguirà l’attività di valorizzazione del patrimonio artistico di proprietà al fine di massimizzarne la fruizione e di promozione di eventi ed iniziative culturali di realizzazione diretta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Omicidio di Isola Rizza ripreso dalle telecamere: il cerchio inizia a stringersi

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento