rotate-mobile
Cronaca Borgo Trento / Via Marsala

"Quartiere sicuro". Potrebbe partire in Valdonega il primo gruppo di Controllo del Vicinato

I cittadini sarebbero chiamati ad osservare cosa succede nel quartiere in cui vivono e a segnalare, in un apposito gruppo whatsapp chiuso, potenziali situazioni di pericolo al coordinatore di zona, che contatterà eventualmente le forze dell'ordine

I cittadini scendono in campo per la sicurezza e, per la prima volta a Verona, vengono coinvolti in una rete istituzionale per facilitare e rendere immediato l’operato delle forze dell’ordine sul territorio, segnalando magari una macchina sospetta, un viavai anomalo o un volto poco familiare che sembra tener d'occhio un'abitazione, ma anche un atto vandalico o il furto di una bici. 
In Valdonega infatti potrebbe partire presto il primo gruppo di controllo di vicinato "Quartiere sicuro". Sul tema è stato organizzato dal presidente della commissione consiliare Sicurezza Andrea Bacciga, nella serata di mercoledì, un incontro tra il sindaco Federico Sboarina e i residenti, per un confronto sulle problematiche maggiormente sentite, verificando la possibilità di far partire il "servizio". Presente anche il responsabile dell'associazione "Controllo del vicinato" per Mantova-Brescia-Verona Stefano Volta, che ha spiegato le modalità operative che sono già in funzione in altre città limitrofe.

I cittadini sarebbero chiamati ad osservare cosa succede nel quartiere in cui vivono e a segnalare, in un apposito gruppo whatsapp chiuso, potenziali situazioni di pericolo al coordinatore di zona. Quest’ultimo, una persona appositamente formata dall’Associazione Controllo di Vicinato, sarà l’unico che potrà inviare le segnalazioni ai referenti delle forze di polizia. Una connessione tra cittadini e Istituzioni per implementare la sicurezza a costo zero e in tempo reale, un metodo virtuoso per stimolare la cittadinanza attiva.
Sono esclusi i social perchè non sono ritenuti uno strumento sicuro e "a prova di malintenzionati".

A fine 2019, su richiesta del sindaco di Verona Federico Sboarina, Comune, Prefettura e Forze dell’Ordine avevano siglato il protocollo "Quartiere sicuro", proprio per attivare e regolamentare il controllo di vicinato. La pandemia ha poi bloccato il coinvolgimento dei cittadini e messo in stand-by il progetto, che ora potrebbe invece prendere ufficialmente il via con gli obiettivi di aumentare il senso di sicurezza dei cittadini, soprattutto delle persone anziane che vivono sole, e dissuadere comportamenti illegali e di microcriminalità.
Presenti all'incontro anche i consiglieri comunali Anna Grassi e Paola Bressan, il consigliere di amministrazione di Agsm-Aim Francesca Vanzo, l'ufficiale della Polizia locale Davide Zeli e la presidente della Seconda circoscrizione Elisa dalle Pezze.

«Partiamo da qua e partiamo subito, con la presidente della Circoscrizione ci lavoriamo già dalla settimana prossima – sottolinea il sindaco Sboarina –. Abbiamo sempre detto che i veronesi sono i nostri occhi sul territorio e questo progetto ne è la prova concreta. In questa maniera si possono creare reti privilegiate di intervento rapido. Nessuno meglio di un residente conosce le abitudini della propria via, del palazzo in cui vive. Se c’è qualche anomalia o criticità, invece di sovraccaricare i centralini delle forze dell’ordine, possono attivare un sistema di controllo di quartiere. Nessuno si sostituirà alle forze dell’ordine. Questo strumento ci permetterà di migliorare la percezione della sicurezza, che è un fattore importante per aumentare la qualità della vita, e disincentivare i malintenzionati. Nella nostra città, infatti, i dati ufficiali dimostrano che i reati sono in calo, quindi non c'è un contesto reale di pericolosità. È vero che un lampione spento genera una sensazione di insicurezza ed è su questi aspetti che Comune e cittadini stanno lavorando assieme, per far vivere i quartieri in maniera tranquilla».

«Soddisfazione per questo incontro richiestomi dalla cittadinanza, che ha visto coinvolti i residenti del quartiere per un confronto partecipato e propositivo – afferma Bacciga -. Al riguardo ho già convocato due commissioni e la settimana prossima faremo un’altra riunione al Basson. Il Controllo del Vicinato si configura nella collaborazione tra i cittadini e le forze dell’ordine e dove è attivo funge anche come deterrente per i malintenzionati».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Quartiere sicuro". Potrebbe partire in Valdonega il primo gruppo di Controllo del Vicinato

VeronaSera è in caricamento