Controlli su un'auto sospetta immatricolata all'estero: 12 violazioni pendenti

Alla guida della MINI Crossover fermata in via Stradone San Fermo si trovava una 25enne ucraina residente a Verona

La polizia municipale ha fermato ieri mattina in via Stradone San Fermo una MINI Crossover sulla quale era installata una targa temporanea per esportazione di nazionalità ceca scaduta nel maggio scorso. Alla guida del veicolo una 25enne ucraina che, residente in città, ha dichiarato di essere la proprietaria del veicolo e di essere in attesa di ricevere documenti di immatricolazione e targa richiesti a PRA e Motorizzazione, avendolo acquistato in un autosalone cittadino.

La donna ha poi fato vedere agli agenti anche una targa prova che, sosteneva, l'avrebbe autorizzata a condurre l'auto. Dagli accertamenti della polizia è però emerso che la donna in realtà nella vita svolge un’attività professionale per il suddetto salone e che la targa prova, adagiata sui sedili posteriori anziché essere correttamente esposta all'esterno dell'auto, avrebbe potuto essere utilizzata solo per fini di test o dimostrazioni e trasferimenti, e non per motivi personali.

È stato inoltre verificato dagli agenti che, a carico dell'auto, risultano ad oggi accumulate 12 violazioni effettuate tra l’11 maggio e il 17 giugno di quest’anno e non ancora notificate a causa della targa sconosciuta alla motorizzazione italiana.
Alla conducente/proprietaria sono state quindi verbalizzate alcune violazioni al codice della strada per uso improprio e non autorizzato della targa prova, con invito a presentare la delega presso gli uffici del Comando.

Nei giorni scorsi i vigili di quartiere hanno individuato due veicoli sprovvisti di regolare copertura assicurativa. Si tratta di una Peugeot 206 e di una Nissan Micra, la prima fermata in via Albere e la seconda controllata mentre era in sosta in via Aquileia. Quest'ultima era stata oggetto di diversi inviti a presentare al comando assicurazione e carta di circolazione, considerato che dai controlli a terminale erano emerse irregolarità in ordine ad entrambi gli aspetti. I veicoli sono stati recuperati e sottoposti a sequestro amministrativo.

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • Auto: i 7 accessori che non possono mancare per affrontare un lungo viaggio

I più letti della settimana

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Autoarticolato e moto si scontrano in tangenziale: morto un giovane 26enne

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 23 al 25 agosto 2019

  • Investe il marito, facendo retromarcia col motoscafo. 53enne in ospedale

Torna su
VeronaSera è in caricamento