Pfas. Miteni dà il via ai lavori per il potenziamento della barriera idraulica

Lo hanno comunicato l’Arpav e il Commissario governativo per l’emergenza Pfas, Nicola Dell’Acqua, che seguono costantemente e quotidianamente l'opera sul posto

L'ingresso della Miteni

Nei giorni scorsi la ditta Miteni di Trissino, a Vicenza, ha iniziato i primi lavori per il potenziamento della barriera idraulica, così come più volte richiesto dalla Commissione tecnica regionale il cui compito è quello di supportare scientificamente la Conferenza di servizi che segue il progetto di bonifica di tutto il sito.

Lo hanno comunicato l’Arpav e il Commissario governativo per l’emergenza Pfas, Nicola Dell’Acqua, che seguono costantemente e quotidianamente in loco i lavori.

Martedì prossimo, 7 maggio, il professor Gianpietro Beretta dell’Università di Milano effettuerà un sopralluogo in azienda per verificare l’attuazione della prescrizioni impartite dalla Commissione alla società Miteni.

L’implementazione della barriera idraulica è fondamentale per ridurre l’attuale stato di inquinamento che il sito provoca alle falde acquifere, in attesa della bonifica del sito che potrà avvenire dopo lo smantellamento degli impianti che, come detto dal curatore Domenico De Rosa, liquidatore della società, avverrà dopo la vendita degli stessi nel mese di giugno prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

Torna su
VeronaSera è in caricamento