menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fiale di vaccini prodotti da AstraZeneca

Fiale di vaccini prodotti da AstraZeneca

«Vaccino anti-Covid AstraZeneca sicuro ed efficace», nuovo via libera dell'Ema

L'autorità europea dei farmaci ha espresso il suo parere dopo lo stop di molti paesi alla somministrazione del siero prodotto dalla società anglo-svedese. Somministrazioni che quindi presto potranno riprendere

«Il vaccino AstraZeneca è sicuro ed efficace. I suoi benefici sono superiori ai rischi. E sono escluse relazioni con casi di trombosi». Sono parole di Emer Cooke, direttrice dell'Ema, l'autorità europea per i farmaci chiamata ad esprimersi oggi, 18 marzo, sulla sicurezza del vaccino anti-Covid di AstraZeneca.
Il farmaco era stato sospeso in via precauzionale in molti paesi europei, Italia compresa, e si attendeva la presa di posizione dell'Ema per poter riprendere con la somministrazione delle dosi di uno dei quattro vaccini attualmente autorizzati nei paesi dell'Unione Europea. Oltre a quello di AstraZeneca, infatti, vengono somministrati i vaccini Pfizer e Moderna, le cui dosi sono ancora ridotte e non permettono una vaccinazione di massa. Il quarto vaccino è quello di Johnson & Johnson, che però sarà distribuito a partire da aprile. È dunque fondamentale il parere espresso oggi da Ema, perché di fatto sblocca l'utilizzo del siero prodotto dall'azienda anglo-svedese, le cui fiale sono rimaste per giorni ferme nei frigoriferi dei magazzini.

L'Ema ha assicurato che verranno fatti degli approfondimenti sui rari casi di reazioni avverse, come riportato da Andrea Falla su Today. «Con la somministrazione di un vaccino a milioni di persone, era inevitabile che ci fossero dei casi inattesi - ha dichiarato Emer Cooke - Le nostre conclusioni sono che il vaccino non è associato con un aumento del rischio complessivo di eventi tromboembolici e coaguli di sangue. Durante le attività di indagine e revisione, abbiamo cominciato a vedere un piccolo numero di casi di un raro e inusuale ma molto serio disturbo della coagulazione e questa osservazione ha innescato un'ulteriore revisione focalizzata. Basandoci sulle evidenze disponibili e dopo giorni di analisi approfondite, non possiamo ancora escludere definitivamente un collegamento tra questi casi e il vaccino. Raccomandiamo di aumentare la consapevolezza di questi possibili rischi assicurandosi che vengano inclusi nelle informazioni del prodotto, attirando l'attenzione su queste possibili condizioni rare, fornendo informazioni al riguardo agli operatori sanitari che vaccinano le persone». In pratica, verrà aggiornato il foglietto illustrativo del vaccino di AstraZeneca.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento