rotate-mobile
Politica

Tosi: "L'Imu l'ha voluta Monti, a Verona applichiamo aliquote eque"

Il sindaco scaligero risponde alle critiche di Bertucco sulla nuova tassa sulle abitazioni e attacca nuovamente la politica del governo dei professori, colpevole di impoverire i comuni italiani

''I consiglieri comunali del Pd vadano a cercarsi le varie dichiarazioni critiche sull'Imu dei sindaci di centrosinistra, valga per tutte quella del sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio, Presidente nazionale Anci, che il 2 maggio scorso ha affermato che questa Imu non è dei comuni e fa sì che i cittadini siamo più tassati e i comuni più poveri'''. Questa la replica del sindaco di Verona, Flavio Tosi al capogruppo del Pd Michele Bertucco.

''I Consiglieri del Pd di Verona sono gli unici in Italia - insiste Tosi - a non capire che l'Imu l'ha messa il loro caro Governo Monti e che l'Amministrazione comunale di Verona, al pari delle altre città in Italia, è stata costretta ad applicarla e, se proprio vogliamo fare un confronto, con aliquote più eque di quelle applicate in maniera più pesante da molti comuni di centrosinistra, come Bologna o Firenze, che per la seconda casa applicano un'aliquota rispettivamente del 10,6 e 9,9 per mille, mentre Verona applica l'aliquota massima del 10,6 solo a partire dalla sesta abitazione di proprietà. Ribadiamo che dell'aumento dell'imposizione fiscale al Comune non resta nulla e che non ci saranno tagli ai servizi sociali erogati''.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tosi: "L'Imu l'ha voluta Monti, a Verona applichiamo aliquote eque"

VeronaSera è in caricamento