rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Politica Centro storico / Via Roma

Fondazione Arena. Bilancio in pareggio grazie al Comune. Critiche di PD e M5S

Evitata la liquidazione coatta, ma l'appuntamento con la Legge Bray è solo rimandato. L'opposizione chiede la sostituzione degli attuali vertici dell'Ente di cui non s'intravede il rilancio

Approvazione all'unanimità del bilancio preventivo 2016 della Fondazione Arena, in pareggio e senza l'applicazione della Legge Bray. I tagli di costi e personale sono rimandati al prossimo anno, grazie ad un contributo straordinario del Comune di Verona e a un ulteriore risparmio sui costi. Chiaro però che i problemi di liquidità permangono, tanto che gli stipendi di febbraio slittano di un mese e non si esclude, appunto, che si possa fare ricorso alla Legge Bray nell'anno che verrà.

Intanto il pareggio del bilancio è raggiunto ma per il Partito Democratico è stato un mero adempimento burocratico "necessario ad incamerare l'anticipo del Fus ed evitare la liquidazione coatta dell'ente, ma privo di qualsivoglia visione strategica di rilancio".

"Ancora una volta - scrivono i consiglieri Michele Bertucco e ed Eugenio Bertolotti - il sindaco Tosi attinge dalle casse comunali per un finanziamento a fondo perduto. Dà i soldi alla Fondazione Arena ma, da presidente della stessa, non fa nulla per dotare l'ex ente lirico del piano industriale necessario ad uscire dalla crisi. Continua a giocare col fuoco rimandando le decisioni che tutta la città sa essere indispensabili anche al fine di ricostruire il necessario legame di fiducia: sostituire gli attuali vertici con personale all'altezza della sfida; tagliare i rami improduttivi come Museo Amo e Arena Extra; rinnovare la gestione della Fondazione nei settori chiave: commerciale, artistico, amministrativo; rimettere in piedi, con i necessari correttivi, il teatro stabile veronese sia per la stagione estiva che per quella invernale".

L'auspicio dei consiglieri PD ora è che il confronto sindacale possa partire "uscendo dalle schermaglie iniziali in cui una gestione irresponsabile e propagandistica della Fondazione Arena lo ha finora costretto".

Come il PD, anche l'On. Mattia Fantinati del M5S chiede la rimozione dei vertici della Fondazione e critica il contributo straordinario del Comune: "Un tentativo, in extremis, per salvare chi siede in consiglio da una eventuale azione di responsabilità, in caso di liquidazione dell’ente. Del tutto inaccettabile come tentativo, tra l’altro senza alcuna progettualità o piano di rilancio, per risolvere una situazione grave".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Arena. Bilancio in pareggio grazie al Comune. Critiche di PD e M5S

VeronaSera è in caricamento