menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le polemiche di Sandri scuotono Regione e Lega

Le polemiche di Sandri scuotono Regione e Lega

Le polemiche di Sandri scuotono Regione e Lega

L'ex-assessore rivendica meriti ma resta un mistero perch lo faccia

Polemica tutta leghista e tutta "sanitaria" quella che sta andando in scena in questi giorni fra Verona e Venezia. Ad innescarla Sandro Sandri, consigliere regionale che sino alle elezioni è stato assessore alla Sanità. “Mi aspettavo un grazie, visto che è merito mio il risanamento dei conti della sanità veneta”. Queste alcune delle dichiarazioni rilasciate dal solitamente pacato ingegnere veronese, che aveva preso in mano l'assessorato ereditandolo dai suoi colleghi di partito Tosi e Martini. La domanda è: cosa si nasconde dietro tali dichiarazioni?


Sandri è ritornato a Palazzo Ferro Fini con una dote di circa 6.500 preferenze, risultando l’ultimo in ordine di voti dei neoconsiglieri della Lega scaligera. E, anche se la sanità regionale è stata fortemente voluta e conquistata dal partito di Bossi sia in Veneto che in Lombardia, sta di fatto che per l'assessorato è stato preferito a lui un altro veronese. Luca Coletto, che è arrivato in Giunta da esterno e che alla prima esperienza, non solo in campo regionale ma anche in tematiche sanitarie. C’è chi sussurra che tra il Sindaco di Verona e l’ex titolare della sanità i rapporti negli ultimi anni si siano parecchio raffreddati. Questo spiegherebbe, secondo alcuni, la mancata riconferma a Palazzo Balbi di Sandri. Questa una soluzione, ma ve ne è anche un’altra: sembrerebbe infatti che i 25 milioni di euro di buco sanitario di cui si è parlato questa settimana siano in realtà molti di più. E per questo il neo Governatore Luca Zaia avrebbe espressamente preteso un avvicendamento alla guida della Sanità. Che, è bene ricordarlo, influisce sui due terzi del bilancio regionale. Se quelli di samdri sono semplici malumori oppure richieste di compensazione lo si capirà presto. Tra lunedì e martedì dovrebbero infatti essere nominati i nuovi presidenti delle commissioni in Consiglio regionale. Incarichi a cui sembra ambire mezza Verona. Forse anche Sandri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento