Demolite quattro strutture abusive nel cortile delle case Agec di via Galilei

Due inquilini residenti nel palazzo sono stati denunciati per non aver liberato due tettoie abusive dalle loro macchine in tempo per la demolizione

Nei giorni scorsi, quattro strutture abusive sono state demolite a Verona. Venivano utilizzate come deposito di mezzi e materiale e si trovavano all'interno del cortile delle case Agec di via Galilei 58. Due condomini che utilizzavano due costruzioni sono stati identificati, mentre le altre due costruzioni risultano assegnate a persone decedute e sono utilizzate da ignoti.

Nel cortile erano presenti altre quattro strutture, sempre irregolari, smantellate dagli stessi condomini, dopo che Agec aveva comunicato la volontà di smantellare ogni manufatto abusivo. Due inquilini residenti nel palazzo sono stati denunciati per non aver liberato due tettoie abusive dalle loro macchine in tempo per la demolizione. A loro carico le violazioni ambientali al codice dei beni culturali e del paesaggio.

All'operazione erano presenti gli agenti di polizia municipale di Verona e i responsabili di Agec. In tutto sono stati controllati 25 mezzi presenti nel cortile: 15 moto e 10 auto, risultati tutti in regola. Due macchine in stato di abbandono, una Ford Ka ed una Panda degli anni '80 senza targa, sono state prelevate per la rottamazione.

Grazie alla collaborazione della polizia municipale e di Agec - ha spiegato l'assessore alla sicurezza Daniele Polato - abbiamo messo in campo azioni sinergiche per verificare spazi e requisiti degli assegnatari di immobili comunali. Proseguiremo con controlli sistematici e verifiche, proprio per tutelare i tanti inquilini che rispettano le regole, gli spazi comuni e le norme condominiali che garantiscono il buon vicinato.

"Il 25 settembre scorso, insieme ai responsabili del nostro ufficio tecnico mi sono recato in visita al complesso di via Galilei, in seguito ad una segnalazione - ha aggiunto il presidente Agec Roberto Niccolai - In uno dei cortili abbiamo documentato come, ormai da anni, erano state costruite autorimesse fatiscenti e quasi tutte ancora abusivamente occupate da alcuni inquilini che le hanno ricevute dai precedenti proprietari, trasferiti o deceduti. Successivamente, la polizia municipale ha notificato la richiesta di rimozione urgente, alcuni hanno effettivamente provveduto e, comunque, dopo aver richiesto un'autorizzazione liberatoria a tutti gli inquilini, il 22 febbraio scorso, si è proceduto alla demolizione di quanto rimasto e a rimuovere anche uno scheletro d'auto abbandonata. Abbiamo ritenuto di agire in questo modo per rispettare tutti quegli inquilini delle case Agec che si comportano con grande senso di civiltà e che sono la stragrande maggioranza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Dopo l'abbandono, il piccolo Zeno lascia l'ospedale per andare in affidamento

Torna su
VeronaSera è in caricamento