Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Via Tiberghien

Picchia la sua ragazza, lei decide di non denunciarlo e la polizia gli sequestra l'auto

L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio in via Tiberghien sotto gli occhi di due poliziotti che si trovavano li per caso e che hanno notato l'accesa discussione a bordo dell'automobile

Un altro episodio di violenza e ancora una volta nel mirino c'è una donna, che stavolta però probabilmente non sporgerà denuncia. 

Era l'una e mezza di ieri pomeriggio quando, in via Tiberghien, un assistente capo della polizia penitenziaria, di ritorno in carcere a Montorio dopo aver riaccompagnato un magistrato in tribunale, nota un'auto ferma in mezzo alla strada con a bordo due persone che discutono animatamente. Ad un certo punto l'uomo tira due sberle in faccia alla donna e il poliziotto decide quindi di intervenire. Proprio in quel momento l'episodio viene visto anche da un altro agente, in quel momento libero dal servizio, che a sua volta va a vedere cosa succede. 

Alla richiesta di spiegazioni i due rispondono che sono fidanzati: lui 28 anni di Montorio, lei 26 anni di Buttapietra. I due poliziotti decidono di controllare i documenti, ma alla richiesta di mostrare la propria patente, il ragazzo afferma di averla dimenticata a casa. Alla ragazza viene chiesto se intende sporgere denuncia ma la 26enne dice di doverci pensare e decide di portare a casa l'auto dell'uomo, visto che i due agenti hanno vivamente sconsigliato al 28enne di mettersi alla guida senza la patente.

L'episodio sembra finito li, ma una volta rientrati sul posto di lavoro, i poliziotti accertano con un controllo sul terminale che il 28enne il documento di guida non l'ha mai conseguito. Gli agenti quindi si sono diretti a casa sua per mettere sotto sequestro l'automobile ma della denuncia della ragazza ancora nessuna notizia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la sua ragazza, lei decide di non denunciarlo e la polizia gli sequestra l'auto

VeronaSera è in caricamento