Cronaca Centro storico / Corso Porta Borsari

Verona, una barriera con le fioriere per impedire la sosta selvaggia: Porta Borsari sgombera da auto

Oltre ad essere vietata, secondo la polizia municipale, è anche pericolosa: l’intervento costituisce il primo passo di un progetto di riordino e riqualificazione dell’area che in futuro riguarderà anche largo Guido Gonella

La "nuova" Porta Borsari

Piccoli cambiamenti ma che si fanno sentire e soprattutto vedere. In questo caso quelli per la sosta selvaggia. Sono state posizionate giovedì mattina, davanti a Porta Borsari, a margine della carreggiata stradale in direzione di via Diaz, quattro fioriere per impedire la sosta non autorizzata delle auto. Per l’assessore all’Arredo urbano Luigi Pisa l’intervento è “finalizzato a migliorare la sicurezza stradale ponendo fine alla sosta selvaggia davanti a Porta Borsari che, come già segnalato dalla polizia municipale, oltre ad essere vietata, è anche pericolosa". Le fioriere contribuiranno, inoltre, a migliorare il decoro urbano dell’area di Porta Borsari, che è tra i monumenti più belli e visitati di Verona.

Contemporaneamente, sono state tolte le catenelle a congiunzione dei dissuasori in pietra già presenti, così da agevolare il passaggio di biciclette e dei pedoni. L’intervento costituisce il primo passo di un progetto di riordino e riqualificazione dell’area che in futuro riguarderà anche largo Guido Gonella.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, una barriera con le fioriere per impedire la sosta selvaggia: Porta Borsari sgombera da auto

VeronaSera è in caricamento